Serie B: Carpi vola in testa

Il Perugia fallisce l'aggancio al Carpi in testa alla classifica, il Venezia vince a Bari

Al Tombolato finisce 1-1 la partita tra Cittadella e Perugia, posticipo della 3/a giornata di Serie B. La formazione umbra sale a 7 punti, raggiunge il Frosinone, ma fallisce l'aggancio al Carpi in testa alla classifica, unica squadra a punteggio pieno. Perugia in vantaggio al 31' del primo tempo con Cerri, lesto a trasformare in gol la respinta di Alfonso sul colpo di testa ravvicinato di Di Carmine. Pareggio veneto al 27' della ripresa con Salvi, che di testa anticipa l'uscita di Rosati. Cittadella a 4 punti, in compagnia di Pescara e Brescia.

Il Brescia conquista la prima vittoria in campionato espugnando per 1-0 il Tardini di un Parma, sino ad oggi, a punteggio pieno. Decisivo al 15' della ripresa il perfetto colpo di testa di Ferrante, bravo a liberarsi della guardia di Calaiò. Sulla punizione di Ndoj da sinistra, l'attaccante argentino del Brescia è il più veloce a postarsi sul primo palo e colpisce nell'angolo dove Frattali non può arrivare. Il match è stato decisamente condizionato dalla pioggia che, sopratutto nel secondo tempo, non ha permesso alle due squadre di esprimersi al meglio. Bene il Parma nella prima frazione di gioco e pericoloso all'8' con Dezi e al 30' con Insigne, ma anche ad inizio ripresa con un rasoterra di Iacoponi deviato in angolo. Per il Brescia, prima del gol, tiro fuori di poco al 15' del primo tempo di Meccariello. Il Brescia sale a quattro punti in classifica, il Parma resta invece fermo a quota sei e perde la vetta della classifica.

Il quadro della giornata e gli arbitri (RISULTATI E CLASSIFICA

  • Ascoli-Novara 1-2
  • Avellino-Foggia 5-1
  • Bari-Venezia 0-2
  • Carpi-Salernitana 1-0
  • Palermo-Empoli 3-3
  • Pescara-Frosinone 3-3
  •  Pro Vercelli-Cremonese 1-4
  • Spezia-V.Entella 2-1
  • Ternana-Cesena 1-0
  • Parma-Brescia 0-1
  • Cittadella-Perugia 1-1

Serie B - Tutti i gol VIDEO

 

La serie B in pillole

Cittadella-Perugia 1-1 - Al Tombolato finisce 1-1 la partita tra Cittadella e Perugia, posticipo della 3/a giornata di Serie B. La formazione umbra sale a 7 punti, raggiunge il Frosinone, ma fallisce l'aggancio al Carpi in testa alla classifica, unica squadra a punteggio pieno. Perugia in vantaggio al 31' del primo tempo con Cerri, lesto a trasformare in gol la respinta di Alfonso sul colpo di testa ravvicinato di Di Carmine. Pareggio veneto al 27' della ripresa con Salvi, che di testa anticipa l'uscita di Rosati. Cittadella a 4 punti, in compagnia di Pescara e Brescia.

 

Palermo-Empoli 3-3  - Pareggio con tanti gol tra Palermo e Empoli al Barbera. Finisce 3-3. I rosanero partono bene. La pressione iniziale si trasforma in gol al 10': corsa di Coronado per Cionek che di testa mette in rete. Al 14' è Coronado che raddoppia con un potente e preciso destro da fuori area. L'Empoli, dopo alcuni minuti per riorganizzare le idee, si butta in attacco e al 23' trova il gol del 2-1 con Simic che raccoglie di testa un cross di Untersee. Il pareggio arriva al 9' della ripresa con un bel tiro di Caputo che sorprende la difesa rosanero. Il Palermo si riporta avanti con Gnahoré al 32' ma al 49' Caputo, su rigore, ristabilisce la parità.

Carpi-Salernitana 1-0- Il Carpi scatta solitario in vetta alla classifica di serie B in virtù della terza vittoria di fila ottenuta contro la Salernitana. La squadra di Calabro viaggia così a punteggio pieno, precedendo tutte le altre in attesa dei posticipi. La rete decisiva contro i campani porta la firma di Malcore (già decisivo nella gara di esordio) con una prodezza balistica non indifferente al 35' del primo tempo. Il Carpi ha vinto tutte e tre le partite con l'identico punteggio di 1 a 0.

Avellino-Foggia 5-1 - Un Avellino determinato e corale mette alle corde il Foggia, schiantato dalle doppiette di Ardemagni (9' su rigore e 59') e Morosini (21' e 36') e dal sigillo finale di Castaldo (70') in una gara sostanzialmente chiusa dagli uomini di Novellino nella prima frazione. Illusoria la rete di Mazzeo (29') che su rigore concesso per un inesistente fallo di mano in area di Migliorini ha momentaneamente dimezzato lo svantaggio. La squadra di Stroppa, che rinvia ancora l'appuntamento con la vittoria, come all'esordio di Pescara (5-1) conferma vistosi limiti nella fase difensiva nè l'utilizzo di Camporese ha colmato le ampie lacune sulle quali il tecnico rossonero è chiamato a lavorare. Il pokerissimo dell'Avellino avrebbe potuto assumere proporzioni anche più ampie grazie ad una manovra martellante, incontenibile sulla fascia sinistra Bidaoui, e a tratti incontenibile rispetto alla quale il Foggia non ha in pratica mostrato alcuna capacità di reazione. Stroppa, che ha cominciato la gara cautelandosi con un difensore in più, sul 2-0, è tornato al modulo preferito, schierando sulla linea offensiva Chiricò e Beretta ai lati di Mazzeo. Troppo poco e forse troppo tardi per contrastare un Avellino in stato di grazia. Vittoria dunque tonda per gli irpini che chiude la polemica aperta in settimana dal presidente Walter Taccone dopo la sconfitta di Cremona e rilancia, insieme alle azioni di Novellino, sempre più beniamino dei tifosi bianco-verdi, le ambizioni dell'Avellino nella stagione appena cominciata. 

Bari-Venezia 0-2 - Il Venezia ha espugnato il San Nicola (0-2), davanti a oltre 14mila spettatori, e ha inflitto la prima sconfitta interna al Bari (secondo ko consecutivo). L'undici allenato da Pippo Inzaghi, al terzo risultato utile di fila, ha disputato una gara ordinata e accorta sul piano difensivo, passando in vantaggio al 30' su rigore di Bentivoglio (fallo di D'Elia su Falzerano). Poi i veneti hanno gestito l'esuberanza dei pugliesi con un buon pressing e marcature molto attente. Nella ripresa il raddoppio di Zigoni è arrivato al 14' st: l'attaccante è stato micidiale nello sfruttare un assist di testa di Moreo (ingenuità in marcatura di Capradossi). Nel recupero la reazione del Bari si è materializzata in un palo di Improta e in una traversa di Floro Flores. La squadra allenata da Grosso, priva in avanti di Galano (infortunato), ha registrato un rilevante passo indietro sul piano tattico confermando le incertezze difensive già mostrate nella trasferta di Empoli e un possesso palla a tratti sterile.

Spezia-Virtus Entella 2-1 - Un gol di Marilungo al 44' della ripresa consente allo Spezia di battere la Virtus Entella nel derby ligure di Serie B. Al Picco finisce 2-1 (1-0) per la squadra di Gallo che ottiene così la prima vittoria in campionato dopo due sconfitte consecutive e scavalca i cugini in classifica. A rompere gli equilibri sono i padroni di casa con Terzi, che al 14' sul corner di Juande con una bella girata sigla il vantaggio. Castorina non è contento dei suoi e dopo l'intervallo lascia negli spogliatoi La Mantia e Troiano facendo entrare Di Paola e De Luca. Proprio quest'ultimo al 16' firma il pari di testa, capitalizzando il cross di Nizzetto. Maggiore due minuti piu' tardi sfiora il nuovo vantaggio dei padroni di casa, poi e' Luppi a mancare di poco la porta di Di Gennaro. Nel finale il gol che decide l'incontro: al 44' sul cross di Lopez, Granoche di testa gira per Marilungo che fulmina Iacobucci. Col successo odierno, lo Spezia sale a tre punti, mentre l'Entella rimane fermo a 1

Pro Vercelli-Cremonese 1-4 - Crolla la Pro Vercelli, sconfitta in casa 4-1 dalla Cremonese. I piemontesi sono usciti tra i fischi: al terzo ko consecutivo, restano da soli all'ultimo posto della serie B, a 0 punti. I grigiorossi allenati da Tesser hanno sfruttato un avvio sprint con la rete all'8' di Pesce (tiro dalla distanza corretto da Jidayi). La Pro non è riuscita a reagire, e la Cremonese ha avuto buon gioco nel controllare e firmare il 2-0 con Brighenti al 38' (deviazione sottomisura). Nella ripresa poca Pro Vercelli e la Cremonese ha firmato il tris con Cavion (spettacolare rovesciata) al 36'. Nel finale Firenze su rigore (fallo di Canini sullo stesso attaccante) ha accorciato al 43' ma nel recupero Mokulu in contropiede ha fissato lo score sull'1-4. Per la Pro è piena crisi.

Ascoli-Novara 1-2 - Prima vittoria in campionato per il Novara che si impone per 2-1 sul campo dell'Ascoli grazie a una doppietta di Da Cruz e alla giornata di grazia del portiere Montipò, autore di pregevoli parate. Era stata la squadra ascolana a passare in vantaggio al 6' del primo tempo con Lores Varela pronto a ribadire in rete un tiro di Clemenza che aveva colpito il palo. Il pareggio ospite è giunto al 39' con un colpo di testa di Da Cruz dopo un tiro di Moscati. Nella ripresa è un errore del portiere dell'Ascoli Lanni a mettere in condizioni la punta piemontese di firmare la doppietta che è valsa la vittoria. Inutile infatti il forcing finale dei padroni di casa. I tre punti vanno al Novara.

 Ternana-Cesena 1-0 - Prima vittoria stagionale - 1-0 contro il Cesena - per la Ternana Unicusano allenata dall'esordiente in serie B Sandro Pochesci. Partita dedicata, come ha spiegato la società rossoverde, all'Associazione italiana lotta alla fibrosi cistica. Ancora senza gol all'attivo invece il Cesena di Andrea Camplone. A segnare la rete decisiva al 7' del primo tempo ci ha pensato Angiulli. Bella azione corale dei padroni di casa con Tiscione che allarga il gioco a sinistra per Defendi che serve indietro per Angiulli, il quale di sinistro in diagonale supera Fulignati. Al 41' l'occasione più ghiotta per il Cesena di raggiungere il pari, con Gliozzi che colpisce la parte bassa della traversa. Altra occasione per gli ospiti nella ripresa con Panico al 37' autore di una bella conclusione in girata che però termina fuori.  

Pescara-Frosinone 3-3 - L'anticipo della terza giornata del campionato della serie B tra Pescara e Frosinone ha regalato all'Adriatico emozioni a raffica con un 3-3 finale pirotecnico. Pescara in vantaggio per 3-0 alla fine del primo tempo grazie ad una tripletta di Pettinari (2', 40' e 46'), subisce nella ripresa la prepotente rimonta della formazione ciociara che grazie ad una doppietta di Ciano (11' e 16'), e ad un gol di Ciofani al 27' raggiunge il pareggio, andando vicino anche al vantaggio. Da rimarcare i quattro legni colpiti dalla squadra di Longo in una gara che ha regalato emozioni in serie, confermando la forza della squadra laziale e i problemi difensivi di un Pescara che in tre gare ha subito 8 reti. Pettinari capocannoniere del torneo con sei reti segnate, grazie alla tripletta di questa sera. Pescara-Frosinone si è giocata di fronte a 10mila spettatori circa.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA