Tavecchio, prova tv per 'dialoghi' giocatori-tifosi

Nuovo ct ? vorrei un cantera azzurra

Al prossimo consiglio federale il presidente della Figc Carlo Tavecchio proporrà di estendere la prova tv anche ai cosiddetti 'dialoghi' fra giocatori e i tifosi. Lo ha annunciato lo stesso Tavecchio intervenuto oggi al programma 'Radio anch'io lo sport', spiegando di aver preso questa decisione dopo i fatti di Udine di un paio di settimane fa, quando i giocatori di casa dopo una sconfitta andarono sotto la curva a prendersi la contestazione degli ultrà. Tavecchio ha anche detto che lui avrebbe voluto presentare appello contro la decisione del giudice sportivo di mandare assolti i protagonisti dell'episodio di Udine, ma di essere stato dissuaso da un parere dell'ufficio legale della stessa Figc, "il parere dei legali non è favorevole alla mia presa di posizione, ma il problema resta e va affrontato in qualche modo".

Nuovo ct ? vorrei un cantera azzurra - "Nessun contatto e nessun accordo èstato preso con nessun allenatore" per il dopo Antonio Conte, ma per la panchina azzurra il presidente della Figc Carlo Tavecchio sogna di ripartire con una "cantera azzurra". Lo ha detto lo stesso presidente della federcalcio intervenuto al programma 'Radio anch'io lo sport'. "Sapevamo che il contratto di Conte era di due anni -spiega Tavecchio. Io speravo restasse, ma sapevo che l'impegno assunto da Antonio era biennale". Il capo della federcalcio non è stato troppo sorpreso dalla decisione del tecnico: "credo che Conte senta il profumo del campo, dello spogliatoio, della quotidianità con i giocatori. Questo che gli ha fatto decidere di cambiare e andare in un grande club".
    E il futuro azzurro ? "ora sono alle prese con un pensiero, ricordo i grandi risultati del 1982 e del 2006 (gli anni delle vittorie ai Mondiali, ndr), abbiamo vinto con quella che si chiama scuola federale, che è costruita con una filosofia diversa da quella dei club, ed ha una spiccata appartenenza ai colori azzurri. E' quella che gli spagnoli chiamano la cantera.
    Il progetto di una cantera azzurra può essere recuperabile, l'avevo in mente già in passato. Per ora non ho fatto alcuna valutazione, non ho preso contatti o accordi con nessuno Stiamo investendo sulle strutture di Coverciano, sulla scuola e i corsi per allenatori. Da qui credo che bisogna ripartire".

Per nuovo ct "impossibili certi compensi" - La prossima ristrutturazione dello staff tecnico della nazionale "non potrà permettersi il lusso dei compensi dati finora": così il presidente della Figc Carlo Tavecchio, intervenuto al programma 'Radio anch'io lo sport' ha fatto sapere che il successore di Antonio Conte sulla panchina azzurra dovrà tener conto di un compenso più basso rispetto a quello del tecnico uscente. Tavecchio ha aggiunto "mi auguro che Oriali rimanga nello staff azzurro, Oriali non è un problema economico" ha precisato il capo della federcalcio, "ma la prossima ristrutturazione non potrà permettersi il lusso dei compensi pagati finora".

Interessi azzurri superiori ai club - Gli interessi della nazionale "sono sempre superiori" a quelli dei club, "per il futuro dovremo codificare questa condizione". Così il presidente della federcalcio Carlo Tavecchio, intervenuto stamattina al programma 'Radio anch''io lo sport'. Rispondendo a una domanda sulla quasi concomitante data della finale di Coppa Italia (il 21 maggio) con il raduno azzurro in vista degli Europei (il 22 maggio), e con le difficoltà dei mesi scorsi per gli stage azzurri voluti da Conte, Tavecchio ha detto: "Sono rimasto sconfortato quando i tecnici hanno risposto un no secco alla domanda su un anticipo della data in cui giocare la finale. Non capisco. In futuro dovremo codificare che gli interessi superiori sono quelli della Nazionale, superiori anche a quelli dei club. Questa situazione oggi non è percepita".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA