Antonio Conte, il combattente del pallone

'Sento dover tornare a fare tecnico club', con queste parole il tecnico azzurro annuncia l'addio

Centrocampista combattivo cresciuto tra i ragazzi del Lecce, il suo nome e la sua carriera sono legati alla Juventus, squadra in cui milita per tredici stagioni, dagli anni novanta e duemila diventandone capitano e simbolo.

In bianconero ha vinto cinque campionati di Serie A e tutte le competizioni UEFA tranne la Coppa delle Coppe, competizione a cui non ha mai preso parte. Con la Nazionale italiana è stato vice campione del mondo 1994 e vice campione europeo 2000.

Conte inizia la sua attività di allenatore nella panchina del Siena, come vice di De Canio e nella stagione 2008-09, con il Bari vince il campionato di Serie B riportando i pugliesi in Serie A.

Passato sulla panchina della Juventus nell'estate del 2011, è campione d'Italia per tre stagioni consecutive oltre ad aver vinto due Supercoppe italiane nel 2012 e nel 2013.

Dal 19 agosto 2014 è il commissario tecnico della Nazionale italiana come successore di Cesare Prandelli.

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA