All star game, lo show dell'NBA ha 65 anni

La prima gara, composta da una selezione dei migliori giocatori dell'Est e dell'Ovest, si tenne a Boston il 2 marzo del 1951

Equilibrismi, salti con la moto o indossando il costume di Superman: sono cosi le spettacolari schiacciate agli All Star Games NBA,  uno degli eventi più importanti e affascinanti del basket mondiale. Un weekend di gare strepitose, come quella delle schiacciate o quella del tiro da tre punti. La domenica sera poi la grande sfida tra due squadre composte dalle selezioni dei migliori giocatori di Eastern e Western Conference. Il giocatore che ha accumulato il maggior numero di voti è stato Kobe Bryant, bandiera dei Los Angeles Lakers.

Il primo All Star Game si tenne a Boston il 2 marzo 1951 ed ha poi cambiato sede ogni anno. La selezione avviene secondo due modalità: i giocatori che iniziano la partita vengono scelti tenendo conto dei ruoli, mediante il voto dei tifosi che avviene sul sito web della NBA per tutta la prima parte della stagione regolare.

Le riserve, invece, vengono selezionate dagli allenatori delle squadre di ogni Conference tramite votazione, sempre con le limitazioni dei ruoli disponibili. Ogni coach non può votare per giocatori appartenenti alla propria squadra. Al termine della partita tra Eastern e Western Conference viene scelto il giocatore meritevole dell'NBA All Star Game Most Valuable Player Award. Allo All Star Game hanno preso parte tutti le più grandi star dell'NBA.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA