• Serie A: Milan Inter.Mancini e Mihajlovic, derby vale la stagione

Serie A: Milan Inter.Mancini e Mihajlovic, derby vale la stagione

Amici rivali in affanno affrontano 6/a stracittadina stagionale

Ci vorrebbe un amico. Ma stavolta, almeno fino a domenica sera, Roberto Mancini e Sinisa Mihajlovic dovranno smetterla di essere affini e complici, di confidarsi gioie e crucci, di pensare alla stracittadina come a una festa perche' per Inter e Milan e' una tappa importante che puo' orientare la stagione e le luci a San Siro si possono trasformare in una stazione della via crucis per chi soccombe. Grossi investimenti e una rivoluzione estiva erano state approntate dalle due meneghine alla ricerca di gloria dopo troppe stagioni di transizione all'ombra di una Juve mattatrice.

L'obiettivo Champions come minimo sindacale alla luce delle somme stanziate da Thohir e Berlusconi (con l'intervento in fieri di mister Bee). E invece a fine gennaio, in coincidenza col derby di ritorno, i conti si presentano in rosso: Inter travolta dalla Juve in Coppa Italia (dopo avere illuso i tifosi eliminando il Napoli) e risucchiata a sei punti dalla vetta in campionato. Quanto al Milan, continua a vivacchiare in serie A al sesto posto con prove alterne mentre ha un piede in finale di Coppa Italia ma dopo avere subito il gioco dell'Alessandria, onesta formazione di Lega Pro. Chissa' se i due amici inseparabili avranno voglia di ritrovarsi a cena insieme a tamburo battente come le altre volte perche' per entrambi la stagione si sta mettendo piuttosto male. Mihajlovic e' stato a lungo in bilico, si e' parlato di una 'reggenza' Lippi in attesa di puntare il prossimo anno su Conte. Ma sara' difficile per chiunque lavorare la prossima stagione se la squadra dovesse fallire l'aggancio all'Europa dopo avere tentato un ringiovanimento che sta andando a corrente alternata. Mancini invece ha tenuto botta con gli 1-0 che gli hanno dato a lungo la testa della classifica, ma non il plauso per il gioco mostrato. Ora pero' latitano anche i risultati, l'orizzonte si fa nebuloso e il tecnico prova la carta Eder sperando che vada meglio dei vari esterni presi a grappoli in estate e che non hanno mai convinto del tutto. Nel preparare la gara che puo' incidere sulla loro stagione magari potranno ripassare nella mente le immagini nitide della loro lunga frequentazione.

Le loro strade si intrecciano oltre 20 anni fa alla Samp di Eriksson che poi li vuole alla Lazio dove arriva lo scudetto e si cementa un sodalizio tecnico e umano solidissimo. Mancini sceglie Mihajlovic ancora quando diventa tecnico della Lazio e poi si fa seguire all'Inter. Quando Sinisa smette di giocare diventa suo vice e sono praticamente inseparabili, con caratteri diversi ma una maniera affine di pensare e vivere il calcio, con rispetto, complicita' e solidarieta'. Mancini vince tanto anche in panchina, Mihajlovic promette bene ma ad alti livelli e' questa la sua prova della verita'. Per volonta' degli sponsor e degli interessi tv e' la sesta volta in sei mesi che le due cugine allenate dai due gemelli sono costrette ad affrontarsi. Si comincia il 25 luglio in piena preparazione in Cina e il Milan si impone con un gol di Mexes. I rossoneri poi replicano 2-1 il 12 agosto nel trofeo Tim in un mini-derby di 45'. Nella gara che conta, in campionato, e' pero' l'Inter che si impone il 13 settembre col solito risultato di misura, con un gol di Guarin, che e' ora partito per la Cina. Il 21 ottobre si gioca il Trofeo Berlusconi e l'Inter in formazione ragazzi bissa l'1-0 con il deludente colpo estivo Kondogbia. Il 24 novembre nuova esibizione, a Bari nel trofeo San Nicola, ed effimero successo del Milan con rete di Poli. Quindi finora lo score e' di 3-2 per il Milan i cui successi pero' contano molto poco. Domenica invece a San Siro si fa sul serio, ma i due amici non si faranno scrupolo di mandare in crisi l'antico sodale. E stavolta lo sgarbo fatto a un amico rischia di avere serie conseguenze.

DERBY A SAN SIRO, IL MEGLIO DEGLI ULTIMI DIECI ANNI - VIDEO

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA