Trovato piccolo fan Messi che commosse il web

Bbc, afghano il bimbo la cui foto è diventata virale, ha 5 anni

Il piccolo fan di Messi che commosse il web è afghano e ha 5 anni. E' stato risolto il mistero, o almeno così sembra, del bambino ritratto di spalle in una famosa foto che ha fatto il giro del web, con indosso un sacchetto di plastica trasformato in una maglia di calcio, e con la scritta Messi con il numero 10. Una fotografia commovente ma dai contorni nebulosi, che aveva comunque innescato immediatamente una campagna di solidarietà per cercare il piccolo tifoso. Adesso, stando a quanto scrive la Bbc online, si è scoperta l'identità del giovanissimo 'calciatore': il piccolo si chiama Murtaza Ahmadi e vive nel distretto di Jaghori, una zona rurale nella provincia orientale afghana di Ghazni. La conferma è arrivata dallo zio del bimbo, Azim Ahmadi, un rifugiato afghano che vive in Australia, e sul suo profilo Facebook ha postato le foto del nipote, questa volta di faccia. L'uomo ha fatto da ponte tra un giornalista della Bbc e il padre di Murtaza, Arif. L'uomo ha confermato che il bimbo è suo figlio e ha raccontato che sa di essere diventato famoso "ed è molto felice". Il papà ha anche svelato come è nata l'idea della maglietta di plastica: Murtaza, ha detto, "ama veramente Messi e anche il calcio, ma per noi è impossibile comprargli una maglia perché io sono solo un contadino. I ragazzi allora hanno deciso di utilizzare la busta di plastica". Diversa invece la ricostruzione di un canale tv curdo, Kurdistan24tv, secondo cui il bimbo sarebbe in effetti afghano, ma si chiamerebbe Homid e vivrebbe a Dohuk, in Iraq. Inoltre, secondo questa ricostruzione, la foto con la busta risale a due anni fa e nel frattempo il piccolo ha ottenuto e sfoggia una maglia vera del suo idolo. Ma, scrive la Bbc, si sarebbe poi scoperto che tali informazioni sono state postate sul web da uno studente di un liceo svedese che voleva portare l'attenzione proprio su Dohuk, città da cui provengono i suoi familiari. Nelle ore immediatamente successive alla pubblicazione della fotografia, diventata virale, il team della star del Barcellona si era messo in moto con l'intenzione di cercare il piccolo per potergli regalare una maglietta del bomber argentino. Adesso il mistero sembra essere risolto, almeno, fino alla prossima puntata della storia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA