Open d'Australia di Tennis, Afa, piercing e fatica

La giornata bollente di Melbourne mette ko atleti e spettatori

Agli Open d'Australia la giornata bollente e afosa mette ko spettatori e atleti. Ghiaccio, cappellini e getti d'acqua in viso non hanno salvato nessuno. Sui campi la temperatura ha superato i 40 gradi. 

Dopo Camila Giorgi, battuta da Serena Williams, anche Sara Errani è uscita subito di scena negli Australian Open, sconfitta dalla russa Margarita Gasparyan, mentre è approdata al secondo turno, unica delle tre italiane in lizza, Roberta Vinci, grazie alla vittoria sull'austriaca Tamira Paszek. Tra i big, avanti, oltre alla numero 1 e campionessa in carica, il numero 1 e campione in carica Novak Djokovic, Tomas Berdych, Kei Nishikori, Agnieszka Radwanska e Petra Kvitova.

In attesa, invece, l'eliminazione di una ex numero 1 ora al 18/o posto, la danese Caroline Wozniacki, ad opera della kazakha Yulia Putintseva (76). La Vinci, numero 15 del ranking e 13/a testa di serie, si è imposta sulla Paszek (126), proveniente dalle qualificazioni, per 6-4 6-2, ottenendo la prima vittoria in tre confronti con l'austriaca.

Prossima avversaria per la 32enne tarantina, la vincente tra le statunitensi Anna Tatishvili e Irina Falconi. A sorpresa, la Errani (19), 17/a testa di serie, ha ceduto alla Gasparyan, 39 gradini più in basso nel ranking, per 1-6 7-5 6-1. "Ho avvertito troppo la tensione e non saprei indicare il motivo, già da ieri mi sentivo troppo nervosa. Il terzo set l'ho giocato male, avevo poche energie, ripeto per la troppa tensione", ha detto la 28enne romagnola, il cui miglior risultato a Melbourne rimangono i quarti di finale del 2012.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA