• Serie A, Carpi Juventus 2-3, Mandzukic-Pogba firmano 'la settima' bianconeri. Allegri: "Ma Inter è ancora lì"

Serie A, Carpi Juventus 2-3, Mandzukic-Pogba firmano 'la settima' bianconeri. Allegri: "Ma Inter è ancora lì"

La squadra di Allegri rimonta, poi rischia il pareggio sul finale

La Juventus conclude l'anno solare con la settima vittoria consecutiva in campionato e sale a quota 33 in classifica. Al 'Braglia' di Modena finisce 3-2 per i bianconeri, che battono il Carpi dopo essere andati in svantaggio nel primo tempo subendo la rete dall'ex Borriello. Allegri può sorridere, anche se il finale gli regala il brivido del pari sfiorato dal Carpi per un evidente calo di attenzione dei suoi: al quale il tecnico livornese ha risposto da bordo campo con un plateale lancio del cappotto a significare tutta la sua rabbia verso la squadra, che di quei cali di tensione aveva pagato dazio a inizio stagione Allegri schiera i suoi col 3-5-2 senza risparmiare alcun titolare: dunque Barzagli-Bonucci-Chiellini davanti a Buffon, Cuadrado ed Evra esterni di centrocampo, Khedira-Marchisio-Pogba in mezzo e davanti la coppia Dybala-Mandzukic. Castori si protegge invece con un 5-3-2 composto dal duo Di Gaudio-Borriello in attacco, Cofie-Marrone-Lollo a centrocampo e Letizia-Zaccardo-Romagnoli-Gagliolo-Gabriel Silva davanti a Belec.

La partita è da subito vivace e Dybala è il primo a dare la scossa con un mancino potente da fuori che finisce sopra la traversa. Ma al quarto d'ora sono i padroni di casa a mandare in estasi il 'Braglia': Cuadrado calibra male un passaggio a centrocampo, Cofie lo intercetta e lancia di prima Borriello, che è bravo a saltare Bonucci e battere Buffon. Il vantaggio dura però solo 3 minuti, perché la Juventus si riprende subito e pareggia con Mandzukic dopo un primo tentativo ravvicinato di Khedira respinto da Belec (nasce tutto da un cross dalla destra di Cuadrado). Al 23' si ripropongono in avanti ancora i bianconeri: dopo una galoppata di Pogba, la palla arriva sui piedi di Marchisio, che da fuori area piazza benissimo, ma Belec è attento e devia in corner.

Al 41' cambia di nuovo il risultato: Evra sfrutta uno scivolone di Letizia per arrivare indisturbato sull'out mancino, crossa perfettamente per Mandzukic che di testa supera ancora una volta il portiere biancorosso. Ad inizio ripresa è ancora la Juve a passare. Al 5' Marchisio pesca alla perfezione Pogba, che una volta superato Zaccardo batte Belec per il 3-1. Al 19' il neoentrato Rugani (al posto di Barzagli uscito per un problema muscolare) si sarebbe iscritto al tabellino dei marcatori, ma la sua posizione al momento del tiro è considerata irregolare. Fila tutto liscio sino al secondo minuto di recupero, quando Bonucci tocca male il cross di Marrone e infila la palla nella propria porta. Il Carpi avrebbe anche la palla per un clamoroso pareggio, ma Lollo colpisce male la palla e Buffon para senza problemi.

Allegri, 7 di fila ma Inter e' ancora li'..  - "Mancini dice che noi siamo una Mercedes e loro una 500? E' vero, abbiamo fatto sette vittorie di fila ma l'Inter e' ancora li' davanti". Massimiliano Allegri chiude il 2016 con un altro successo, il settimo di fila, all'insegna della rimonta. "La cosa positiva è che la squadra ha fatto 7 vittorie, veniamo da un buon periodo sia in campionato sia in Champions sia in Coppa Italia - dice il tecnico bianconero a Mediaset dopo il 3-2 in casa del Carpi - Oggi era importante vincere, innanzitutto per balzare, seppur momentaneamente, al secondo posto. Poi per non staccarci dalle squadre di testa e consolidare la classifica". Ma nel finale, quando il Carpi ha sfiorato clamorosamente il pari, Allegri ha lanciato via il cappotto per l'ira. "Sui minuti finali devo dire che le partite non sono mai chiuse: i ragazzi hanno fatto bene fino a 5' dalla fine, poi le abbiamo combinate grosse. Col Frosinone l'abbiamo pagata a caro prezzo e oggi no. Ci deve servire da lezione: bisogna crescere e capire che quando l'avversario è in difficoltà va annientato. Invece oggi lo abbiamo rimesso in pista. Dobbiamo imparare: magari ci darà la scossa per ripartire nel 2016 nel migliore dei modi".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA