Sanremo, la serata delle cover: gli artisti - LE PAGELLE

di Paolo Biamonte. Foto di Claudio Onorati e Ettore Ferrari

Miele - Sarà difficile dimenticare la delusione di essere stata dichiarata vincitrice della sfida e di aver scoperto che, causa irregolarità nella votazione in sala stampa, deve andare a casa. Merita un risarcimento. 8

Virginia Raffaele - Ogni sera è uno spettacolo, Donatella Versace che mette in croce Carlo Conti e riesce persino a confonderlo e che gioca alla morte ti fa bella è il controcanto perfetto alla liturgia di Sanremo. 8

Gabriel Garko - Ha trovato la sua parte in commedia, gioca con le critiche, è stato più dentro lo spettacolo, ha assorbito con classe il fatto che Nicole Orlando gli ha detto che non piace alla nonna. 6 1/2

Annalisa - E' brava, un talento sicuro. La sua versione di "America" di Gianna Nannini impeccabile. 7

Clementino - Emozionante la sua versione di "Don Raffaé", non era facile dare un senso personale a un capolavoro di Fabrizio De Andrè. 7

I Pooh - Non è facile essere Pooh per 50 anni. Tornati insieme a Riccardo Fogli sono venuti a celebrare il mezzo secolo di carriera e ad annunciare il loro tour. Delirio all'Ariston. 6

Francesca Michielin - La sua versione de "Il mio canto libero" è stata intensa ed emozionante. Meritava di più. 7

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in