M5s, Cecconi e Martelli lasciano dopo il deferimento ai probiviri

Irregolarità sulle "restituzioni" della quota di stipendio da parlamentare

Redazione ANSA ROMA

"I probiviri decideranno sul procedimento disciplinare nei miei confronti e sulla sanzione da comminare. Sono sereno e accetterò ciò che stabiliranno. Ho già deciso di rinunciare alla mia elezione. Il 4 marzo cederò il passo e andranno avanti gli altri candidati. Continuerò a fare campagna per M5s. Lo annuncia dal suo profilo Fb il deputato e candidato M5s Andrea Cecconi, deferito dal Movimento al collegio dei probiviri per irregolarità sulle "restituzioni" della quota di stipendio da parlamentare.

 

 "So di aver mancato nei confronti degli iscritti del M5s, anche se la mia coscienza è a posto perché ho restituito fino all'ultimo centesimo. I probiviri decideranno sul mio caso in piena autonomia. In ogni caso ho già espresso nei giorni scorsi l'intenzione di rinunciare alla mia elezione. Continuerò a sostenere il MoVimento. Dopo Andrea Cecconi, anche il senatore M5s Carlo Martelli, annuncia la sua rinuncia all'elezione con il M5s dopo essere stato deferito ai probiviri 5 Stelle per irregolarità nella "restituzione" di quota degli stipendi da parlamentare. 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in