Renzi: le elezioni non sono un test su di me

Il premier: "Le elezioni locali hanno valenza locale"

Redazione ANSA ROMA

Vincenzo De Luca (centrosinistra) tra 36-40%, Stefano Caldoro (centrodestra) tra 33-37%, Valeria Ciarambino (M5S) tra 21-25%: è l'esito del primo exit poll Ipr marketing per Tv Luna sulle elezioni regionali in Campania.

"Le elezioni locali hanno valenza locale": glissa così Matteo Renzi la domanda sul valore delle elezioni di domani. "Faccio un appello, e parlo di europee visto che sono in silenzio elettorale, abituiamoci a pensare che il voto serve per quello per cui si vota. Francamente - aggiunge - per me le europee hanno un grande valore. Per me il punto centrale è cambiare la politica europea. Se ogni volta il voto è un sondaggio sul gradimento del governo finisce, ad esempio con le europee, che si mandano in Europa persone che stanno lì solo perché sono più o meno amiche del capo del governo o dell'opposizione. A settembre quando avremo finito di fare le riforme l'Italia in Europa inizierà con determinazione che non immaginate una battaglia contro l'austerity. Non dico che andremo a fare casino, ma ci si avvicina".

L'arrivo di Renzi al Festival dell'Economia di Trento è stato contestato da un gruppo di sindacalisti di Base. I manifestanti dapprima sono sfilati in corteo per le vie del centro storico della città e quindi hanno organizzato un presidio davanti al centro Santa Chiara dove è in programma l'incontro di Renzi con il Primo ministro francese Valls. I manifestanti protestano in particolare contro il governo Renzi che, dicono "non ha in alcun modo scalfito gli alti livelli di disoccupazione, sopratutto femminile e giovanile, generando in compenso nuove insicurezze tra gli occupati". 

Intanto Roberto Speranza difende il sindaco di Salerno inserito nella lista degli "impresentabili". "Conosco bene De Luca - dice all'ANSA - e vedere il suo nome accostato all'Antimafia è in totale contraddizione con il suo impegno e con la sua storia che sono stati sempre rivolti al servizio esclusivo della comunità".

E Vincenzo De Luca lancia un appello su Facebook: "Abbiamo bisogno di una mobilitazione straordinaria. Non può essere sprecato nessun voto", dice a chi vuole esprimere un voto "di rabbia, di protesta"

 


Alla vigilia del voto arriva la scure dell'Antimafia: 16 gli 'impresentabili' secondo la lista fornita dalla commissione Antimafia. Una lista che contiene i nomi di candidati campani (12) e pugliesi (4). Renziani contro la Bindi: 'Viola la Costituzione. Tornano i processi in piazza'. Lei: 'Non mi abbasso a rispondere'. Vincenzo De Luca, candidato Pd in regione Campania presente nella lista, annuncia querela: 'Mi diffama, voglio sbugiardarla'. Caldoro: 'E' ineleggibile'. Si complica, dunque, sempre di più la vicenda di De Luca.

"Abbiamo fatto il nostro compito", rivendica la presidente dell'organismo parlamentare, Rosi Bindi, ma è chiaro che tutta la vicenda ingenera caos e la Bindi viene presa d'attacco dall'area renziana del Pd che la accusa di violare la Costituzione. Non solo il presidente del Pd, Matteo Orfini, l'accusa di fare "processi in piazza".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in