Studenti preparano 'arsenale' per aiutarsi alla maturità

Skuola.net: 'Bigliettini e smartphone si contendono lo scettro'

Redazione ANSA

I maturandi si stanno preparando per affrontare l'esame di Stato. Ma, se molti di loro cercheranno di essere il più 'puliti' possibile, 1 studente su 10 sa già che copierà. E un altro 22% è pronto psicologicamente a farlo, ma spera di non averne bisogno. A sostenerlo sono i 6mila ragazzi di quinto superiore intervistati da Skuola.net. Coscienza a posto, comunque, per la maggior parte dei maturandi: il 29% farà tutto da solo, il 35% al massimo chiederà un aiuto volante al vicino di banco. A spingerli a seguire le regole, forse, le statistiche ufficiali del Miur: negli ultimi anni praticamente tutti - nel 2017 furono il 99,5% del totale - hanno superato l'esame senza problemi.

Perché, quindi, copiare? Tuttavia c'è una piccola fetta di irriducibili che sta lavorando per predisporre "l'attrezzatura da battaglia". Seguendo due strade, spesso parallele: la tradizione e l'innovazione. Nel primo caso non c'è dubbio che i classici appunti scritti a penna siano il pilastro su cui si basa la strategia dei copioni.

I metodi più diffusi per camuffarli? I soliti: il 22% si segnerà delle note a margine sul vocabolario, un altro 22% si imbottirà di micro biglietti infilandoli un po' ovunque (nelle tasche, nei calzini, ecc.). Il 12%, invece, tenterà di scambiarsi i fogli protocollo con i compagni per condividere le informazioni. Il 9% si appunterà sulla pelle ciò che immagina gli servirà. L'8% proverà a nascondere in bagno gli appunti da consultare. Ma, tra tappi delle penne, custodie delle calcolatrici e etichette delle bottiglie la fantasia dei maturandi varca ogni confine. Dove non arriva l'inchiostro, c'è la tecnologia che corre in soccorso degli studenti in difficoltà. In teoria i dispositivi informatici, salvo rare eccezioni, non dovrebbero entrare nelle aule d'esame. La realtà, però, è ben diversa. Anche se, in questi casi, la discrezione è d'obbligo. Così quasi 1 "copione" su 4 punta sugli auricolari dello smartphone, per rimanere in contatto con l'esterno senza dare troppo nell'occhio. Il 15%, invece, cercherà di sfruttare la possibilità di portare le calcolatrici di ultima generazione (gli studenti dello scientifico sono in prima linea) per tentare di connettersi a Internet.

Il 14% terrà il telefono sotto mano per andare sul web o sui social network. Approccio passivo per un altro 11%, che attenderà le soluzioni via messaggio o mail. Smartphone che, per l'8%, si troverà in bagno, nascosto da qualche parte. Mentre il 6% ha già creato dei gruppi WhatsApp per collaborare durante le prove. Una quota simile (6%), infine, si affiderà agli smartwatch.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in