Michele Emiliano - IL PROFILO

Il 'gladiatore' ha abituato ai colpi di scena nel 2015 scrisse su twitter a Frank Underwood di 'House of cards'

Soprannominato 'il gladiatore', Michele Emiliano, appassionato di moto (ha una Guzzi California dell'83) e' un uomo che ha abituato ai colpi di scena. Ex magistrato con un passato da giocatore di basket, Emiliano e' uno sportivo al quale piace vincere ma non prendere ordini dall'allenatore. Anche quando questi coincide con il segretario del suo stesso partito. Molti gli scontri che si registrano negli anni con Matteo Renzi.

Quello dell'ex sindaco di Bari, incarico che Emiliano ha ricoperto per dieci anni consecutivi segnando un altro record, e' uno stile apprezzato anche oltre oceano da Frank Underwood di 'House of cards', la serie tv americana sugli intrighi di potere. Sottolineando le divisioni del centrodestra in Puglia che non aveva ancora individuato un candidato ufficiale, Emiliano nel 2015 chiese ad Underwood su Twitter di trovargli un "avversario repubblicano", ricevendo una risposta positiva: "Puoi avere il senatore Rubio".

Nato a Bari il 23 luglio del 1959, papa' di Giovanni, Francesca e Pietro, Emiliano ha intrapreso a 27 anni la carriera di magistrato antimafia tra Agrigento, Brindisi e Bari. Nel 2004, poi, e' stato eletto sindaco di Bari e nel 2014 ha chiuso il suo secondo mandato come 'Sindaco piu' amato di Italia' (riconoscimento 'Monitor Citta'') e con la nomina, a titolo gratuito, di assessore alla Legalita' del Comune di San Severo (Foggia). Tra i momenti piu' significativi della sua carriera da primo cittadino, ci sono la ricostruzione del teatro Petruzzelli, a 18 anni dal rogo che lo distrusse nel '91; e la vicenda dell'abbattimento del cosiddetto ecomostro 'Punta Perotti'.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA