Boris Johnson

Il predestinato, un istrione al potere

Per qualcuno è il più improbabile dei predestinati, nondimeno predestinato resta. Boris Johnson, l'uomo politico più popolare, istrionico, incline alle gaffe e controverso dei conservatori britannici conquista a 55 anni il traguardo sognato da tutta una vita: diventare leader Tory e primo ministro del Regno Unito. Favorito fin dall'inizio nella corsa alla successione di Theresa May, si accomoda al numero 10 di Downing Street con tre anni di ritardo, dopo un lungo percorso di scalate iniziate ma mai portate a compimento. Vi dovrebbe entrare con la giovane fidanzata Carrie Symonds, esperta di comunicazione politica per la quale l'anno scorso ha lasciato dopo 25 anni la moglie Marina e che negli ultimi mesi ha avuto un ruolo non piccolo al suo fianco, a dispetto della lite domestica spiata e spiattellata vanamente ai media un mese fa da una coppia di vicini dal dente avvelenato. Il carattere eccentrico, spesso sopra le righe, lo deve anche al mix molto particolare del sangue che gli scorre nelle vene. Boris è figlio di un ex deputato conservatore del Parlamento europeo (Stanley Johnson) e di una pittrice (Charlotte Offlow Fawcett), nonché discendente, per via clandestina, di re Giorgio II. Ha frequentato le scuole migliori del Regno, prima Eton, poi l'università di Oxford, dove ha coltivato la passione per la letteratura, la storia e le classicità. Ma scavando più a fondo emerge un melting pot nel retaggio di famiglia che fa dell'ex sindaco di Londra ed ex ministro degli Esteri un Tory piuttosto sui generis. Nato a New York, Alexander Boris de Pfeffel Johnson ha antenati musulmani ed ebrei, oltre che cristiani. Sulle orme del bisnonno Ali Kemal Bey, giornalista liberale turco ai tempi dell'Impero ottomano, anche lui poco dopo la laurea in Lettere classiche al Balliol College oxfordiano inizia a lavorare per la carta stampata. Al Times e al Daily Telegraph s'impone, come corrispondente da Bruxelles, per la narrativa irridente sull'Ue e gli eurocrati: intessuta di esagerazioni, se non di fake news vere e proprie che gli saranno rinfacciate anche nella campagna referendaria pro Brexit del 2016. Diventa quindi direttore dello Spectator, settimanale conservatore per antonomasia. Sono gli anni in cui, confesserà anni dopo, prova pure la cocaina: "ma senza riuscire a sniffarla", giura. Mentre l'ingresso in politica arriva nel 2001, quando esordisce come tribuno roboante e conquista un seggio in parlamento a Henley. Nel 2004 per qualche mese è viceministro ombra della Cultura, ma perde l'incarico per aver mentito su una delle sue numerose relazioni extraconiugali. E' del resto vittima ricorrente di ingarbugliate vicende personali sui tabloid. Johnson ha avuto cinque figli (l'ultima, Stephanie, nata nel 2009 'illegittima') e due matrimoni falliti alle spalle: quello giovanile con Allegra Owen, durato appena tre anni, e quello con Marina Wheeler, avvocato di valore, andato avanti per un quarto di secolo tra una scappatella e l'altra (quasi sempre con giornaliste), un allontanamento da casa e un perdono. Un passato che ora gli vale il titolo di primo divorziato ufficiale a Downing Street. Vicissitudini di coppia a parte, la sua carriera decolla con l'elezione a sindaco di Londra nel 2008. Amministra non senza consensi la metropoli britannica, tradizionalmente a maggioranza laburista, e resta in carica per due mandati fino al 2016. Nel frattempo prepara il ritorno alla Camera dei Comuni, nel maggio del 2015. E da subito si pone come spina nel fianco dell'allora premier e vecchio amico David Cameron, fino a farsi paladino del referendum sulla Brexit: sebbene spregiudicato abbastanza da preparare prima della decisione conclusiva due discorsi, a quanto si narra, uno pro Leave e uno pro Remain. La vittoria non gli permette però di lanciare subito l'attesa sfida alla leadership Tory, per il tranello dell'alleato Michael Gove. Forte di una grande seguito dentro il partito, riceve comunque l'incarico di ministro degli Esteri, che finisce per mollare nel luglio 2018 dopo una serie di baruffe con Theresa May - e contro una linea sulla Brexit ritenuta troppo soft - oltre a qualche gaffe ben poco diplomatica. 

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA