Elon Musk

"Fra 20 anni le auto con il volante saranno rare come i cavalli"

"Fra 20 anni sarà come avere oggi un cavallo nel garage". E' questo il futuro dell'auto tradizionale, quella con il volante e il guidatore umano, per Elon Musk, l'uomo che, secondo Forbes, sta provando a riscrivere il "trasporto sulla terra e nello spazio", rispettivamente con le sue Tesla e SpaceX.

Entro il 2037, Musk prevede che tutte le auto saranno a guida computerizzata, tanto che Tesla nei veicoli elettrici che produce ha già introdotto alcuni strumenti semi autonomi in grado di gestire determinati scenari di guida. Ma, avverte Musk, raffreddando gli entusiasmi di chi già sogna viaggi lunghi senza fatica, sarà necessario prima predisporre le auto di una adeguata e impenetrabile difesa dagli attacchi degli hacker informatici: "pensate cosa succederebbe se entrassero nel sistema di guida e facessero confluire tutte le auto qui a Rhode Island? Sarebbe la rovina per Tesla, ha spiegato il manager di fronte alla platea dell'Associazione nazionale statunitense dei governatori nazionali e locali.

Allo stesso tempo, ammette Musk, sarà necessario dotare i veicoli a guida autonoma di un comando interno che permetta all'umano di prendere il controllo del veicolo, un po' come accade in un film da lui più volte citato: quel 'Io, robot', dove Will Smith è costretto a ricorrere alla guida autonoma per sfuggire ad un esercito di robot che lo insegue in un tunnel stradale. Ma, evidentemente, il film del 2004 non è l'unico riferimento cinematografico nel futuro immaginato da Musk.

L'altra pellicola sembra essere Terminator, dove gli umani del futuro si trovano a lottare per la sopravvivenza in un mondo controllato dai robot: Una delle grandi paure di Musk è infatti che i computer escano dal controllo degli umani e "addirittura possano scatenare una guerra". Per questo, di fronte ai governatori degli stati e delle amministrazioni statunitensi, chiede che venga affrontato il tema della regolamentazione delle intelligenze artificiali, suggerendo la creazione di una autorità indipendente che guidi lo sviluppo di una tecnologia così potente. "Le A.I non solo minacceranno tutti i lavori svolti dagli esseri umani, ma potrebbero anche scatenare una guerra. E' il rischio maggiore che corriamo come civiltà".

Un altro rischio che Musk vede di fronte a sé, anche se in uno scenario ben più ridotto, è quello di assistere ad un crollo delle azioni Tesla, che nel corso dell'ultimo anno hanno visto crescere il proprio valore del 50%. I titoli, ammette, sono scambiati ad un prezzo "più alto di quanto ci meritiamo", spinti soprattutto dall'ottimismo sul futuro della compagnia. "Queste attese qualche volta vanno fuori controllo", spiega all'assemblea, sottolineando che non intende in alcun modo liberarsi dei titoli del gruppo che ha creato: "affonderò con la nave".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA


Vai al sito: Who's Who