Post-it

Giffoni: Crescentini, c'è chi fa dei social una malattia

Attrice tornerà in I bastardi di Pizzofalcone

Post-it

GIFFONI VALLE PIANA, 20 LUG - Il mondo dei social ''ha dinamiche infinite. C'è chi ne fa una malattia. Come ha scritto Bauman, prima ci rappresentava 'Penso dunque sono', ora 'vengo visto dunque sono', anche se l'immagine che si dà non corrisponde mai alla realtà. Vale anche per molti di quelli che fanno proclami politici, perché li vedo sul wall, ma non scendono in piazza''. Lo dice Carolina Crescentini, protagonista oggi al Giffoni Film Festival di un incontro con i ragazzi.
L'attrice tornerà su Rai1 con la seconda stagione de I bastardi di Pizzofalcone: ''Il mio personaggio è così rigido all'apparenza che a volte mi veniva da prenderlo in giro. Mi piace però la sua fragilità, non riesce a trovare un punto di equilibrio nel suo privato'' spiega. Non parla dei prossimi progetti, ma stando alle notizie uscite ha già completato le riprese de Il sogno del califfo di Souheil Benbarka e di una commedia che affronta proprio il tema dell'ossessione da web, Sconnessi di Christian Marazziti su una famiglia (fra gli altri interpreti Fabrizio Bentivoglio, Stefano Fresi, Antonia Liskova, Ricky Memphis, Lorenzo Zurzolo, Michela Andreozzi), che grazie a un blackout che blocca internet, ricomincia a parlare. C'è ''una nuova generazione di autori che si sta affermando - dice l'attrice - con molti siamo cresciuti artisticamente insieme. Penso a Giovannesi, Cupellini, Lorenzo Sportiello. E tra le nuove registe? ''Ho amato molto Miele di Valeria Golino e i film di Alice Rohrwacher''.

Archiviato in