ANSAcom

Giffoni: Don Joe e 'Le Scimmie' incontrano studenti

ANSAcom

SALERNO - "Anche noi siamo stati ragazzi, solo che oltre ad andare a scuola e all'università abbiamo coltivato la nostra passione: la musica". Con queste parole, il produttore Don Joe ha raccontato il suo percorso lavorativo e di vita agli studenti degli istituti secondari di I grado di Giffoni Valle Piana e Montecorvino Rovella, e dell'istituto di istruzione superiore "Gian Camillo Glorioso", nel corso di un evento di orientamento scolastico all'indirizzo quinquennale di Produzioni Audiovisive, nella Sala Truffaut di Giffoni Valle Piana (Salerno). Ad incontrare gli studenti anche il produttore Yung Snapp, i rapper Vale Lambo e Lele Blade - che insieme formano il gruppo "Le Scimmie" - e il regista Max Castelli.
Presente anche il sindaco di Giffoni Valle Piana, Antonio Giuliano, che ha ringraziato "il preside del "Glorioso" Carmine Tavarone, oltre che il Giffoni Experience: "Continueremo a lavorare con il direttore Claudio Gubitosi e il presidente Piero Rinaldi sulla formazione, che è il cardine del vostro e nostro futuro".
"Don Joe - racconta Lele Blade - ci ha dato la possibilità di arrivare a moltissime persone tramite le sue piattaforme. Al Sud è difficile emergere nel mercato musicale italiano". Tantissime le domande dei giffoners in sala. Non poteva mancare quella sui Club Dogo, la storica formazione di Don Joe: "Non ci siamo mai sciolti, stiamo solo facendo un percorso diverso. Ognuno ha scelto di fare in questo momento quello che preferiva. Siamo amici da troppo tempo, e la parola scioglimento non fa parte del nostro dizionario. Lavorare insieme è stato sensazionale, in dieci anni abbiamo visto di tutto. Io, che faccio il produttore, posso dire che i Dogo sono stati un capitolo importante della mia vita, perché con loro abbiamo cambiato l'hop hop in Italia".
Dopo avere regalato al pubblico qualche freestyle dei loro brani più amati de "Le scimmie", gli ospiti hanno risposto anche alle domande su tematiche delicate come la droga. "E' sbagliato emulare quello che si vede nei video o nei film - spiega Don Joe ai ragazzi - e bisogna capire che quello che si vede sullo schermo è intrattenimento, non un modello da seguire. La droga esiste, è un problema, bisogna solo sapere come raccontarla. A volte abbiamo parlato, nei brani, di esperienze personali proprio per far capire che sono sbagliate e che non vanno seguite come esempio".

In collaborazione con:
Giffoni Film Festival

Archiviato in