Post-it

Stanley, ognuno dovrebbe studiare oltre la scuola secondaria

Auspicio per G7 Udine, fare dell'università una comunità più aperta

Post-it

Specialista di fama internazionale in scienze biomediche, Samuel L. Stanley e' stato uno degli scienziati piu' sostenuti dal National Institutes of Health (NIH) per le sue ricerche sulle difese contro le nuove malattie infettive. Dal 2009 Stanley e' il quinto presidente della State University of New York at Stony Brook, una delle piu' prestigiose istituzioni di ricerca degli Stati Uniti.

1) Con la previsione di 400 milioni di iscritti entro il 2030, pensa che il messaggio politico dell'università per tutti sia realistico?

Nell'attuale momento economico, ogni individuo dovrebbe continuare a studiare oltre la scuola secondaria. Stony Brook si prefigge di dare l'esempio nell'accesso a una istruzione post-secondaria ai più alti livelli. Nel 2017 uno studio di Stanford ha mostrato che siamo tra le università più' selettive d'America che sostengono la mobilita' economica attraverso l'istruzione.

2) Ci puo' dire di più di questo studio?

L'equipe di Stanford ha esaminato oltre 50 milioni di denunce dei redditi anonime per monitorare il cammino professionale di altrettanti studenti per un decennio su tutto il territorio nazionale. Stony Brook non solo e'entrata tra i 10 college e universita' che hanno dimostrato risultati costanti nel passare dai cinque redditi inferiori ai cinque superiori, ma siamo stati l'unica istituzione altamente selettiva tra le top ten a riportare questi risultati. Tutto questo e' possibile attraverso una serie di programmi messi a disposizione degli studenti più svantaggiati economicamente o sottorappresentati che consentono di eccellere nei campi di loro scelta. In questo modo studenti provenienti da famiglie povere, ad esempio i vincitori di borse Pell, arrivano alla laurea in percentuali più alte dei loro colleghi che vengono da famiglie più abbienti.

3) Cosa pensa di condividere e cosa spera di portare a casa dal G7 di Udine?

Siamo orgogliosi della nostra leadership nei programmi, nella ricerca e la più alta qualità' nell'assistenza sanitaria. Negli ultimi cinque anni la percentuale dei nostri studenti che arrivano alla laurea e' aumentata del 10% chiudendo a livelli unici negli Usa e nel resto del mondo il divario tra ceto sociali di provenienza. Abbiamo assunto 300 nuovi docenti a tempo pieno (113 lungo un percorso di "tenure") per condurre ricerche di avanguardia in settori come le tecnologie energetiche, l'ingegneria e la medicina. Abbiamo allargato le nostre operazioni sul fronte sanitario e degli ospedali. Con uno su cinque dei nostri studenti che viene da altri paesi il mio auspicio su Udine e' di portare a Stony Brook suggerimenti per fare della nostra università una comunità ancora piu' aperta e vibrante dove studenti internazionali e di ogni provenienza sociale si sentano benvenuti.

4) Ha visto un impatto della nuova sterzata sull'immigrazione proposta dall'amministrazione Trump?

Gli studenti internazionali aggiungono una incredibile diversita' e vitalita' al nostro campus. Le nuove politiche sull'immigrazione, associate alla retorica e ad azioni xenofobe prima e dopo le elezioni, stanno scardinando il patto tra Stati Uniti e quanti cercano opportunità' dal resto del mondo. Le università' di ricerca stanno assistendo a un effetto immediato sui loro sforzi di reclutamento di studenti e insegnanti.

5) Cosa sta succedendo a Stony Brook?

Quest'anno abbiamo visto un declino di circa il 10% delle domande di ammissione internazionali per la graduate school, una cifra in linea con quella di altre istituzioni. Le ragioni possono non essere esclusivamente legate alle politiche e alla retorica anti-immigrazione, ma alcuni individui accettati a Stony Brook, specialmente dai paesi al centro del primo Ordine Esecutivo della Casa Bianca, ci hanno fatto sapere che sceglieranno una università canadese o australiana, proprio a causa dell'incertezza sulle politiche migratorie negli Usa e per il fatto di poter finire sotto i riflettori a causa del loro paese di origine, non per le credenziali accademiche. Le politiche dovrebbero essere basate sui fatti, non sulla paura.

Archiviato in