• Tarrach, gli atenei europei tra i migliori ma sottofinanziati
Post-it

Tarrach, gli atenei europei tra i migliori ma sottofinanziati

Il futuro? Sempre più diversificato. Fare chiarezza sulla Brexit

Post-it

BRUXELLES - Professore di Fisica all'Università del Lussemburgo ed ex rettore della stessa per dieci anni, Rolf Tarrach è il presidente dell'Associazione Europea Universitaria, organizzazione che rappresenta gli interessi delle università in Europa, con 850 membri in 47 Paesi.

DOMANDA: La sua associazione vuole essere la voce globale delle università europee, come valuta l'istruzione superiore nel Continente?

RISPOSTA: È il sistema di istruzione superiore più diversificato al mondo, in cui regge ancora l'ideale humboldtiano della comunione tra insegnamento-apprendimento da un lato e ricerca dall'altro e in cui, se si misura il rapporto tra risultati e risorse, cioè l'efficienza, si trovano molte delle migliori università del mondo. Ma è anche giusto dire che la dispersione nella qualità delle università europee è eccessiva e che molte università europee sono chiaramente sottofinanziate. In poche parole, potremmo fare di meglio, ma non molto, senza ulteriori finanziamenti.

DOMANDA: Quali problemi state affrontando qui a Bruxelles?

RISPOSTA: La Brexit e le sue conseguenze per il mondo accademico, la revisione intermedia di Horizon2020 e il lavoro preparatorio per il prossimo programma quadro FP9 sono le tre questioni più importanti che discutiamo ora con le istituzioni europee. Nel primo chiediamo loro di raggiungere un rapido accordo in modo che la collaborazione con i nostri colleghi britannici prosegua senza ostacoli. Questo è ciò che vogliamo e ciò che anche i nostri colleghi britannici vogliono. Inoltre, senza risolvere il problema della Brexit sarà difficile ottenere risultati concreti sul FP9. Cerchiamo di convincerli che le università sono un attore essenziale per risolvere i numerosi problemi che affrontiamo e che per poter fruire del loro potenziale ancora inutilizzato è necessaria una maggiore flessibilità, minore burocrazia, maggiore fiducia in noi stessi e maggiori fondi.

DOMANDA: Come si immagina le università del futuro?

RISPOSTA: Avremo una diversità ancora maggiore di istituzioni accademiche. Le migliori, spesso quelle più costose, continueranno a privilegiare l'esperienza di apprendimento frontale, che sarà molto più interattiva. Diventeranno più comuni forme di insegnamento misto, così come un apprendimento esclusivamente online. Anche la ricerca cambierà, come cambiano le tecnologie. Le sfide principali continueranno ad essere trovare per ciascuna istituzione il profilo più ragionevole e adeguato, combattere l'immobilismo e convincere i professori che prima di tutto essi sono servitori della società e che quindi la società deve capire cosa deriva dal loro lavoro. Un sistema di istruzione superiore diversificato consentirà che alcune università si concentrino maggiormente sulla trasmissione delle conoscenze e delle competenze necessarie per il mercato del lavoro, mentre altre si concentreranno sulla generazione di nuove conoscenze e sulla promozione della creatività, cioè sulla ricerca e l'insegnamento, fornendo così la base per la creazione di nuovi lavori.

DOMANDA: In che modo l'impulso di programmi come Erasmus ha cambiato il panorama delle università negli ultimi 30 anni?

RISPOSTA: Penso che Erasmus e ora Erasmus + siano grandi programmi e hanno generato una generazione di veri europei, di cui la società europea ha molto bisogno. Si dice che sono nati un milione di bambini Erasmus. Beh, è probabilmente un'esagerazione ma anche mezzo milione sarebbe una grande aggiunta all'europeizzazione della nostra gioventù istruita. Erasmus ha reso più aperte, più diverse e più flessibili le università europee. Il programma potrebbe migliorare facendo sì che nessuno studente deve essere costretto a rinunciare all'Erasmus per ragioni puramente finanziarie.

DOMANDA: Cosa pensi della legge ungherese che minaccia l'attività dell'Università dell'Europa Centrale?

RISPOSTA: È contraria ai principi fondamentali europei della libertà accademica, dell'autonomia universitaria e della tutela delle istituzioni rispetto al loro utilizzo per motivi politici o ad abusi in lotte di potere. Noi, all'EUA, abbiamo pubblicato una dichiarazione molto critica e chiara su questa iniziativa del governo di Orban. Come con la Brexit, è una misura che sarà un male per il paese. Come disse Einstein, ci sono solo due cose infinite, l'universo e la stupidità dell'umanità, e aveva dubbi sul primo.

Archiviato in