Conte incontrerà aziende su plastic tax

Per rendere più efficaci misure, riducendo eventualmente impatto

  Il Presidente Giuseppe Conte, a quanto si apprende da fonti di Palazzo Chigi, intende incontrare le aziende coinvolte e gli esperti del settore per avere un confronto volto a rendere ancora più efficaci e sostenibili queste misure riducendo eventualmente l'impatto. Nella convinzione che si tratti di misure che rappresentano la chiara volontà del governo di avviare una svolta green ma che nello stesso tempo non vogliono avere un fine punitivo.

Il premier è fortemente deciso a contrastare il tentativo di far passare questa come la "manovra delle tasse". "È una manovra che ha evitato il già programmato aumento dell'Iva per 23 miliardi, che avrebbe avuto un impatto negativo su consumi e famiglie. Non può essere raccontata come una 'manovra delle tasse' solo per la presenza di alcune specifiche e limitate misure volte a tutelare l'ambiente, la salute dei cittadini e che danno un indirizzo green al paese", è il ragionamento del premier.

La riduzione del cuneo fiscale e la lotta all'evasione sono pilastri della manovra e non intendo fare passi indietro. Così il ministro dell'Economia, Roberto Gualtieri, secondo quanto si apprende, ha risposto ai sindacati durante il tavolo a Palazzo Chigi sulla legge di bilancio, accogliendo positivamente la loro richiesta di non arretrare sulla riduzione delle tasse sul lavoro e sul contrasto all'evasione.

Un nuovo fondo pluriennale con una dote di 2,5 miliardi complessivi dal 2021 al 2034 per ampliare l'offerta di posti negli asili nido. Lo prevede la manovra. Il fondo, destinato alla "messa in sicurezza, ristrutturazione o costruzione di edifici di proprietà dei comuni", viene istituito al ministero dell'Interno con 100 milioni l'anno dal 2021 al 2023 e 200 milioni l'anno dal 2024 al 2034. Già entro gennaio 2020 saranno stabiliti i criteri per il riparto del fondo, per la verifica dell'uso dei fondi e l'eventuale riassegnazione di quelli non utilizzati.
"Per la prima volta mettiamo in capo una azione organica sugli asili nido", con tutti i Comuni che potranno accedere ai finanziamenti anche se finora non hanno mai avuto un servizio per i bambini tra 0 e 2 anni. Lo dice il viceministro all'Economia, Laura Castelli, spiegando l'effetto combinato dei finanziamenti della manovra (2,5 miliardi fino al 2034) e il superamento dei costi standard per il riparto dei fondi, con l'eliminazione del "livello di fabbisogno pari allo 0" basato sul vecchio criterio della spesa storica.

"Sul bilancio non ci sono novità, evolve ogni giorno; mi batto per maggiori risorse alla scuola, università e alla ricerca, lo dico ogni giorno, dobbiamo fare di più, deve essere una manovra più coraggiosa. Scuola, università e ricerca sono la condizione di sviluppo per il nostro paese. In questo momento le risorse sono insufficienti". Lo ha detto a margine di una iniziativa alla Luiss il ministro dell'Istruzione Lorenzo Fioramonti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA




Modifica consenso Cookie