Report viadotti truccati, Spea sospende i 4 dipendenti coinvolti

Il Cda della società è pronta a rimettere il mandato. Anche Autostrade ha sospeso i due dipendenti

 Il Cda di Spea Engineering "ha disposto la sospensione immediata dall'incarico dei dipendenti medesimi".  Inoltre il Cda "Si è reso disponibile a rimettere il proprio mandato nelle mani del Presidente per consentire la più efficace tutela della Società. Ogni atto ulteriore e conseguente sarà assunto dal Consiglio di Amministrazione già convocato per il prossimo martedì 17 settembre".

 Autostrade per l'Italia ha sospeso i due dipendenti "coinvolti nel procedimento di falso sui viadotti Pecetti e Paolillo". Un Cda di Autostrade è stato convocato lunedì. Benetton fa sapere che verranno prese le iniziative necessarie "a salvaguardia della credibilità". Di Maio ha ribadito "la volontà di revocare le concessioni ai Benetton".

La procura di Genova ha trasmesso gli atti ai colleghi di Avellino che hanno indagato sulla strage del bus precipitato nel 2013 dal viadotto "Acqualonga" dell'A16 Napoli-Canosa, causando la morte di 40 persone. In particolare, i magistrati genovesi hanno inviato le intercettazioni relative a Paolo Berti, all'epoca del crollo del ponte Morandi direttore Operazioni centrali di Autostrade. In quella conversazione telefonica, secondo quanto emerso nell'inchiesta sui falsi report sui viadotti autostradali, Berti parla con Michele Donferri Mitelli, ex responsabile nazionale manutenzione di Aspi. Il primo manifesta disappunto per essere stato condannato (5 anni e 10 mesi) per quell'incidente lamentandosi che avrebbe potuto dire la verità e mettere nei guai anche altri. L'altra risponde che non ci avrebbe guadagnato nulla mentre, alla luce del suo comportamento, può "stringere un accordo col capo". "Tu hai ragione ma non è che se metti in galera anche un altro a te cambiava qualcosa. Quindi a questo punto fregatene! Aspettali al varco e pensa solo a stringere un accordo col capo".

Tra i tecnici e dirigenti di Spea c'è il sospetto di essere i "parafulmini" di Autostrade. E per tutelarsi qualcuno registra gli incontri, le riunioni con i vertici di Aspi e li conserva pure nel proprio computer. Grazie a quei file custoditi nel pc di uno degli indagati nell'inchiesta sui falsi report sui viadotti, gli investigatori scoprono che già nel 2017 le carte venivano truccate sempre per un obiettivo: ridurre i costi, una logica di comportamento che "prevale sulla finalità di garantire la sicurezza dell'infrastruttura". A maggio 2017 si discute del ripristino del viadotto Giustina, sulla A14, nelle Marche, dove morirono due persone a marzo schiacciate dal crollo di un ponte. A fare la voce grossa è Michele Donferri Mitelli, l'ex responsabile nazionale delle manutenzioni di Aspi. "Devo ridurre i costi - dice Donferri - Adesso te inventi quello che c... te pare e te lo metto per obbligo". Lucio Torricelli Ferretti, di Aspi, (ai domiciliari da ieri insieme a Gianni Marrone di Aspi e a Massimiliano Giacobbi di Spea) prova a fare capire che non basta e Donferri risponde che "non ha alcuna rilevanza se sia vero o no".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA