Conte: chiarirò con Siri, poi valuteremo

"Corruzione tra reati gravi, no a sottosegretari sotto processo"

(ANSA) - REGGIO CALABRIA, 18 APR - "Io non esprimo una valutazione, come premier avverto il dovere e la sensibilità di parlare con il diretto interessato, Armando Siri. Chiederò a lui chiarimenti e all'esito di questo confronto valuteremo". Così il premier Giuseppe Conte. "Il contratto prevede che non possono svolgere incarichi ministri, e io dico sottosegretari, sotto processi per reati gravi come la corruzione" e che "questo è un governo che ha l'obiettivo di recuperare la fiducia di cittadini per le istituzioni e ha un alto tasso di sensibilità per l'etica pubblica".
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA