• Tav: i dubbi di Conte, Salvini: "Andiamo avanti". Di Maio: irresponsabile, minaccia la crisi

Tav: i dubbi di Conte, Salvini: "Andiamo avanti". Di Maio: irresponsabile, minaccia la crisi

Premier convoca la società italo-francese incaricata di realizzare e poi gestire la Torino-Lione

E' ancora tensione nel governo sulla Tav. Dopo i dubbi sulla necessità dell'opera espressi in conferenza stampa dal premier Conte, è intervenuto Salvini: "L'Italia ha bisogno di più infrastrutture, più strade, più ferrovie. Dobbiamo andare avanti bisogna sbloccare, aprire, scavare", ha detto il ministro dell'Interno a "Dritto e rovescio" su Rete4.

Di Maio ha ribadito il suo no alla Tav. "Vediamo chi ha la testa più dura, io sono cocciuto e sono pronto ad andare fino in fondo", ha replicato Salvini. E dunque il governo cadrà? "Farò di tutto - ha risposto - affinché non accada". "Nessun ministro della Lega firmerà per fermare i lavori" del Tav, ha affermato il ministro dell'Interno ribadendo che per quello che lo riguarda il Tav "si fa. "Ci sono posizioni diverse tra Lega e 5S, io sono favorevole e loro contrari. Ma abbiamo speso dei soldi per scavare chilometri di tunnel sotto una montagna - aggiunge - Il treno è più veloce e sicure e nessuno mi farà mai cambiare idea su questo". "Spero - ha aggiunto - che nelle prossime ore si riparta" con i lavori.

Ma in serata Di Maio torna a ribadire il no: "Abbiamo solo chiesto la sospensione dei bandi per un'opera vecchia di 20 anni, lo abbiamo chiesto perché previsto dal contratto. E cosa fa Salvini? Oltre a forzare una violazione del contratto - prosegue - minaccia pure di far cadere il governo? Se ne assuma le responsabilità di fronte a milioni di italiani. Io questo lo considero un comportamento irresponsabile, proprio mentre siamo in chiusura su due misure fondamentali come reddito e quota 100". 

"Io stesso ho manifesto al tavolo, non muovendo da nessun pregiudizio ideologico o fattor emotivo, ho espresso forti forti dubbi e perplessità sulla convenienza della Tav e lo ribadisco. Non sono affatto convinto che questo sia un progetto infrastrutturale di cui l'Italia ha bisogno", ha detto il premier Giuseppe Conte nella conferenza stampa convocata sulla Tav.

"Se lo dovessimo cantierizzare oggi mi batterei perché non sia realizzato. Lo dico perché voglio che i cittadini italiani siano messi al corrente costantemente" ha anche detto Conte.

"L'unica strada è proseguire, alla luce di ciò che emerso, alla luce dei forti dubbi emersi, e me ne assumo la responsabilità, l'unica strada che credo sia d'obbligo è procedere ad un'interlocuzione con i partner di questo progetto, Francia e Ue, per condividere questi dubbi e le perplessità" ha aggiunto il premier.

"Dobbiamo considerare che l'opera dovrebbe terminare nel 2013 ma chi si occupa di queste cose sa che quella data è una chimera. E anche a non voler considerare la lievitazione dei costi noi ci ritroveremmo comunque in una fase temporale in cui il sistema dei trasporti si sarà evoluto e c'è il rischio che l'opera si riveli poco funzionale rispetto al sistema dei trasporti con cui avremo a che fare" ha sottolineato Conte.

"Se Salvini vuole fare cadere il governo sulla Tav lo farà cadere lui. Si assumano questa responsabilità, far saltare il governo per un bel buco nella montagna che vogliono Salvini, Berlusconi, Zingaretti, Meloni....beh la maggioranza già ce l'hanno. Evidentemente quando c'è una grande torta ci sono interessi da tutelare". Lo afferma il senatore M5S Gianluigi Paragone. "Questa è un'opera inutile, è una "torta Tav" sulla quale illo tempore ricordo che anche la Lega era contraria", spiega.

Il premier Conte ha convocato a Palazzo Chigi Mario Virano, direttore generale di Telt, la società italo-francese incaricata di realizzare e poi gestire la Torino-Lione. 

"La Francia ha sempre rispettato l'auspicio del governo italiano di una riflessione" sul progetto Tav ed è "aperta a una discussione fra partner": lo dice un comunicato diffuso in serata dalla ministra dei Trasporti, Elisabeth Borne. Nel comunicato, si propone il "lancio di bandi per il proseguimento dei cantieri", "consentendo di rispettare il tempo di riflessione auspicato dall'Italia pur preservando i finanziamenti europei".

 La Francia ha "firmato un trattato con l'Italia che prevede la realizzazione di questo tunnel: spero che gli italiani ci diranno domani che realizzeranno il tunnel insieme a noi", ha detto la ministra francese.

LA CONFERENZA STAMPA DEL PREMIER CONTE

"Per fermare il Tav ci sono due passaggi. Il primo è quello del blocco dei bandi (sui quali bisogna decidere entro questo lunedì) e ciò può avvenire o tramite una delibera del Cdm o tramite un atto bilaterale Italia - Francia che intervenga direttamente sul CdA di Telt. Il secondo è quello del passaggio parlamentare per il no definitivo all'opera. Su tutti e due questi passaggi non c'è un accordo tra le due forze di governo". Lo scrive Luigi Di Maio nella lettera inviata ai parlamentari in vista dell'assemblea.

"Sulla strategicità dell'opera abbiamo ragione su quello che abbiamo sempre sostenuto. Passano sempre meno merci rispetto alle previsioni e gli aumenti futuri non giustificano l'opera. Lato passeggeri invece, durante il vertice di ieri, i tecnici ci hanno mostrato che per raggiungere il break-even per fattibilità lato passeggeri, servirebbero ogni 30 milioni di costo unitario, almeno 7 milioni di passeggeri all'anno". Lo scrive il vicepremier Luigi Di Maio nella lettera inviata via Telegram ai parlamentari del M5S in vista dell' assemblea.

Questa mattina l'ambasciatore francese a Roma, Christian Masset, è stato Palazzo Chigi. Il diplomatico è uscito nel cortile interno della sede del governo insieme al premier Giuseppe Conte - diretto a Montecitorio per l'evento sugli Special Olympics - ma, al momento, non si ha conferma di un loro faccia a faccia da fonti ufficiali. Lasciando poi Palazzo Chigi, Masset, intercettato dalle telecamere presenti nel piazzale, si è limitato a dire: "L'Italia è bellissima".

 In vista dell'assemblea dei gruppi congiunti di questa sera resta fermo il "no" alla Tav dal M5S che, alle 19 di oggi, riunirà i deputati e senatori proprio per parlare del dossier della tratta Torino-Lione.

Per la Lega la Tav è utile per la crescita del Paese. E la conferma dei bandi resta un passaggio fondamentale per la realizzazione dell'opera.

"Crisi di governo no. Ma vertice infruttuoso sì. Ci riproviamo oggi". Così il leader del Movimento 5 Stelle e vicepremier Luigi Di Maio ad Affaritaliani.it, a proposito della riunione a Palazzo Chigi sulla Tav, che non ha portato ad alcuna decisione. Poi, alla domanda 'Come se ne esce?' Di Maio risponde: "E' tosta".

Sbotta Sergio Chiamparino, presidente della Regione Piemonte:"Da Palazzo Chigi emerge chiaramente che il governo Conte-Salvini-Di Maio è alla disperata ricerca di pretesti per uscire dalla paralisi in cui si è cacciato sulla TAV e continuare l'insopportabile manfrina. Adesso cercano di coinvolgere i francesi e di scaricare su di loro le proprie responsabilità". "Ormai - aggiunge Chiamparino - è evidente che Minitav, ameni-tav di Venaus e le altre sciocchezze che abbiamo sentito in queste settimane, incluso il fermare i bandi dopo che Telt li ha fatti partire, sono solo parole che stanno trasformando l'Italia nel paese dei balocchi e mettono a rischio finanziamenti europei e la realizzazione dell'opera. La strada è una sola: si vada avanti con l'attuale progetto della Tav".

Via libera del Senato alla mozione di maggioranza sulla Tav che impegna il Governo a "ridiscutere integralmente il progetto della linea Torino-Lione, nell'applicazione dell'accordo tra Italia e Francia". Il provvedimento presentato da Lega-M5s ha avuto 139 sì, 105 no. Bocciate le mozioni dell'opposizione presentate da Pd, FI e FdI. Respinto a larga maggioranza anche l'ordine del giorno presentato dalla senatrice di LeU Loredana De Petris.

Ieri cinque ore di vertice sulla Tav non erano bastate e resta lo stallo: non c'è ancora una mediazione tra M5s e Lega. Ora si pensa ad un un approfondimento giuridico sui bandi di Telt e ad un confronto con la Francia, con possibile vertice bilaterale, sui criteri di finanziamento dell'opera. Ma Di Maio e Salvini lasciano Palazzo Chigi scuri in volto. Mentre il premier Conte, che ha promesso una decisione entro venerdì, per ora non parla. Ma lunedì il cda di Telt dovrà dare il via libera ai bandi. In gioco, ricorda la commissione Ue, ci sono 800 milioni di euro che, in caso di mancato avvio delle gare, l'Italia potrebbe perdere.

Intanto al via in Aula al Senato l'esame delle mozioni sulla Tav. Quattro i documenti presentati. Tre sono delle opposizioni: Pd, FI e FdI. Mentre Lega e M5s hanno presentato una mozione unica, firmata dai due capigruppo: il leghista Massimiliano Romeo e il pentastellato Stefano Patuanelli, del tutto analoga a quella già approvata dalla Camera. La mozione di maggioranza impegna il Governo a "ridiscutere integralmente il progetto della linea Torino-Lione, nell'applicazione dell'accordo tra Italia e Francia".

Tav, verso richiesta bilaterale con Francia su fondi

 

"Il lancio delle gare Telt (con o senza clausole, notoriamente inapplicabili) - si legge in un comunicato di Presidio Europa, una articolazione del movimento No Tav in Valle di Susa - sarà interpretato dal territorio come atto politicamente ostile e con conseguenze politiche irreversibili. Qualora Telt procedesse comunque al lancio delle gare - è il testo - questo si tradurrebbe in una completa sconfessione dell'operato dell'attuale titolare del MIT e del suo staff. In base a quanto esplicitamente previsto dai Regolamenti Cef, Italia e Francia hanno tutte le prerogative per richiedere una revisione dei programmi di investimento sulla base di Acb che indichino il mutamento dei presupposti".

"Basta cincischiare - ha detto Matteo Renzi  si dica o si o no. C'è un signore che si chiama Danilo Toninelli che blocca l'Italia. E' emblematica la vicenda della TAV. Io ho sempre detto che il percorso iniziale era eccessivo, e infatti lo abbiamo ridotto per 2,5 miliardi e 25 chilometri. Ma non puoi avere tutta Europa collegata e quel pezzettino no. E poi perché? Perché M5s hanno già inghiottito troppi rospi, Tap, Ilva. SI sono arresi alla realtà, e ora è rimasta la Tav. Signori del Nord che votate Salvini, 'qui si varrà la vostra nobilitate'; o Salvini mostra leadership o si blocca tutto".

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA