• Diciotti: la Giunta dice No al processo a Salvini. M5s, chi non è d'accordo lasci

Diciotti: la Giunta dice No al processo a Salvini. M5s, chi non è d'accordo lasci

Bagarre fuori dall'aula, dopo che la Giunta ha negato l'autorizzazione a procedere. Senatori Pd contro quelli M5s ma Giarrusso fa il segno delle manette al loro indirizzo

La Giunta per le Immunità del Senato dice no alla richiesta del Tribunale dei ministri di Catania di poter processare il ministro dell'Interno Matteo Salvini con l'accusa di "sequestro di persona aggravato" per non aver fatto sbarcare per 5 giorni 177 migranti dalla nave Diciotti. I voti a favore della proposta del presidente della Giunta, Maurizio Gasparri, di dire no all'autorizzazione sono stati 16, 6 i contrari.

Non appena il presidente della Giunta e i commissari sono usciti dall'Aula di Sant'Ivo alla Sapienza, i senatori del Pd che protestavano nel cortile hanno cominciato a gridare "Vergogna e onestà. Giarrusso vergogna" all'indirizzo del parlamentare pentastellato. "Mio padre e mia madre sono regolarmente a casa: altri sono ai domiciliari. E poi sono loro che parlano di onestà", ha replicato Mario Michele Giarrusso. "Sono loro che dovrebbero vergognarsi per quello che hanno fatto loro e i loro parenti per distruggere l'Italia"replica Giarrusso ai cronisti. E mentre continuano le proteste il senatore M5s fa il gesto delle manette

Dei sette senatori M5s componenti della Giunta, sono stati sei i presenti alla seduta chiamata a decidere sul caso Diciotti. Ma l'unica assente è assolutamente giustificata: si tratta di Grazia D'Angelo, vicepresidente della Giunta stessa, che alle 3 della scorsa notte ha partorito.

"Per me prima viene la difesa dei confini e la sicurezza della mia gente quindi lavoravo tranquillo ieri e lavoro tranquillo oggi - ha detto il ministro dell'Interno, Matteo Salvini -. I senatori hanno fatto e faranno le loro scelte. Avrei accettato qualunque risposta, consapevole del fatto che quello che sto e stiamo facendo lo facciamo per il bene del nostro Paese. Quindi ero e sono pronto a qualsiasi tipo di giudizio". "Siamo una squadra. Al governo c'è una squadra, non ci sono dei singoli, quindi ringrazio per la fiducia alla squadra", ha detto ancora Salvini. 

"Magari quelli che urlavano oggi onestà, onestà, sono gli stessi che in passato hanno votato a favore dell'immunità parlamentare". Lo afferma il vicepremier e capo politico dei Cinque Stelle, Luigi Di Maio, a "Di martedì", da Giovanni Floris, commentando la protesta dei senatori Pd davanti alla Giunta. "A Giarrusso credo che gli sia scappata un po' di mano la situazione per la pressione: lì c'erano i senatori del Pd che protestavano, che urlavano contro Giarrusso", spiega Di Maio.

"Da quando è cominciato l'anno gli arrivi via barconi o gommoni in Italia sono fermi a 220 rispetto ai 5000 dell'anno scorso. Sono diminuiti gli arrivi e i morti ed è aumentata la sicurezza degli italiani. I numeri dimostrano che ci sarebbe il merito di una medaglia piuttosto che un processo", ha detto Salvini a 'Di martedì' sulla La7.

LE POLEMICHE DOPO IL VOTO ON LINE SUL CASO DICIOTTI

"La democrazia diretta è sempre stato un principio fondante del MoVimento 5 Stelle - spiega in una nota Francesco Silvestri, portavoce del MoVimento 5 Stelle alla Camera dei deputati sulle polemiche all'interno dei pentastellati sul voto sul caso Diciotti -. Anche sul caso Diciotti abbiamo fatto decidere i nostri iscritti, che è esattamente quello che non hanno mai fatto le altre forze politiche. Per questo ci stupiscono le parole di alcuni parlamentari che si lamentano per questa decisione. Ricordo, ad esempio, alla senatrice Fattori e a quanti cercano giornalmente visibilità sui giornali, che è proprio grazie a Rousseau che sono potuti entrare in Parlamento, ben conoscendo le regole che hanno sottoscritto. Il dialogo all'interno del MoVimento è sempre aperto, ma se Fattori e gli altri non condividono più questo modus operandi, potrebbero semplicemente restituire quanto dovuto e dimettersi".

Critica la senatrice pentastellata Paola Nugnes: "La rete aveva già votato su questo punto quando abbiamo votato il programma. È una contraddizione forte, perché questa votazione è fuori regolamento - ha detto a 'Circo Massimo' -. Nell'articolo 4 dello Statuto, che è quello che regola le votazioni, quelle di questo tipo non sono previste". "Con questo voto il M5S ha perso una parte della sua natura, dal punto di vista elettorale dovrebbe costare caro. Nella mia bolla di percezione il dissenso è ampissimo", aggiunge. "Per me bisogna cercare un altro mezzo per trovare le convergenze e non cedere passo passo a ricatti. Condivido l'idea di voler andare avanti per portare avanti il programma, ma questo cedere può essere deleterio per il M5S e per il Paese. Si sta disegnando un'idea di società respingente, che fa leva sui più deboli. Siamo in recessione etica e morale, si sta dando adito a una visione di chiusura e di respingimento che non appartiene al vero Movimento".

"La #piattaformaRousseau decide che i senatori grillini devono impedire ai giudici di procedere - scrive su Twitter l'ex presidente del Consiglio Paolo Gentiloni -. Milioni di elettori M5s si chiedono dove sia andato a finire il loro voto. Tutti gli italiani resteranno col dubbio che Salvini chiudendo i porti abbia abusato del proprio potere".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA