Iraq: Conte: 'Daesh resta seria minaccia, serve attenzione'

'Siamo e restiamo vicini, sostegno alla ricostruzione'

"Gli sforzi iracheni per sconfiggere Daesh sono stati fondamentali, ma dobbiamo essere consapevoli che l'insorgenza di Daesh rappresenta ancora una seria minaccia che richiede una vigile attenzione e uno sforzo anche collettivo. L'Italia è uno dei principali contributori: cerchiamo di dare soprattutto una mano nell'addestramento militare e di polizia e lavoriamo anche per incrementare la cooperazione in campo economico, sociale, culturale". Lo dice il premier Giuseppe Conte in conferenza stampa a Baghdad con il primo ministro iracheno Adel Abdul Mahdi.

"L'Italia - ha detto ancora - è stata e rimarrà vicina al popolo iracheno. E' stata vicina nei momenti più difficili, che grazie a Dio sono alle spalle: grazie al sacrificio del popolo iracheno e all'impegno delle forze armate irachene. Continueremo ad assicurare il nostro sostegno e appoggio anche in questa fase di stabilizzazione e ricostruzione".

Nel pomeriggio Conte sarà a Erbil dove incontrerà il primo ministro del governo regionale del Kurdistan, Barzani. A seguire, si recherà in visita alla base Camp Singara al contingente italiano impiegato nella missione ‘Prima Parthica’.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA