Presunti abusi del padre di Di Maio, il fascicolo in Procura

M5s fa quadrato sul vicepremier. Fico attacca sul decreto sicurezza

I vigili urbani di Mariglianella (Napoli) hanno depositato alla Procura di Nola il fascicolo sui presunti abusi edilizi relativi a 4 manufatti, adibiti a deposito, trovati su un terreno di proprietà di Antonio Di Maio, padre di Luigi Di Maio e della zia del vicepremier. Lo ha detto il sindaco Felice Di Maiolo. "Ora si devono attendere i riscontri degli inquirenti", ha commentato. Ieri i vigili hanno sequestrato il terreno sul quale sono stati trovati anche dei rifiuti, perlopiù scarti edili.

M5s fa quadrato intorno a Luigi Di Maio dopo l'inchiesta delle Iene sui lavoratori in nero nell'azienda del padre. E mentre dalle pagine del Corriere Antonio Di Maio si addossa e le colpe e chiama fuori il figlio, sul blog M5s in un post si denuncia la delegittimazione ai danni dei pentastellati a tutti i livelli.

"La delegittimazione del MoVimento 5 Stelle da parte del quarto potere colpisce a tutti i livelli. Colpisce i nostri sindaci, colpisce i nostri parlamentari. Colpiscono anche Luigi Di Maio in questi giorni, essendo immacolato usano i parenti sbattendo in prima pagina suo padre per storie di 10 anni fa. E attenzione non è che Luigi sia sotto accusa per aver aiutato il babbo mentre era ministro, come è stato per Renzi e Boschi ma per un vincolo di sangue". E' quanto si legge in un passaggio di un posto sul blog M5s.

Intanto il presidente della Camera Roberto Fico si smarca su una serie di temi 'caldi' per il governo. "Se la mia assenza al momento della votazione è stata interpretata come una presa di distanza dal provvedimento? Bè, avete interpretato bene". Lo ha detto il presidente della Camera Roberto Fico a margine del convegno sui beni comuni in corso all'accademia dei Lincei a proposito dell'assenza nel corso della votazione sul decreto sicurezza. "Perche io sono il presidente della Camera e rispetto il mio ruolo fino in fondo, diritti di maggioranza e di opposizione, mando avanti i provvedimenti che arrivano in Aula con la collaborazione di tutti i capigruppo e rimango fedele al mio ruolo istituzionale. Se poi parliamo del decreto nel merito, dopo che è passato, questo è un altro discorso", ha concluso. 

"Assolutamente sì. Ritengo che l'Italia dovrebbe dire sì al global compact ed invito tutti a leggersi davvero il contenuto di questo accordo, perche, tra l'altro,ci consentirebbe di non restare soli nella gestione del fenomeno dell'immigrazione", ha detto inoltre Fico.

Ma da Fico arriva anche il sostegno al vicepremier. "Solidarietà a Luigi Di Maio che in questo momento sta subendo un fango incredibile", dice il presidente della Camera. "Quando leggo articoli di stampa o ascolto una trasmissione - aggiunge - non c'è mai niente che faccia riferimento a una colpa di Luigi, niente che faccia riferimento a una sua colpa né passata né nelle sue vesti di ministro. Questo non è modo di fare, non è più politica, sono attacchi personali ingiustificati, che nella nostra società fanno solo male, non hanno senso".

 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA