Di Maio, questa settimana ddl pensioni d'oro al Senato

Il ministro del Lavoro: 'Cambio passo sui migranti è l'antipasto per il cambio in economia'. Sui vitalizi taglio Camera nei prossimi giorni. Nomine Rai: 'In contratto si prevede di riportare il merito'

"Questa settimana nella commissione Lavoro del Senato calendarizzeremo la proposta di legge sul taglio delle pensioni d'oro. Puntiamo a che l'ok a questo provvedimento arrivi prima dell'estate". Lo dice Luigi Di Maio nel corso dell'intervista a Maria Latella su Sky tg24. "Chi prende una pensione sopra i 4-5 mila euro netti e non ha versato i contributi" avrà un taglio dell'assegno "in proporzione ai contributi versati".

Questi gli altri passaggi dell'intervista al ministro del Lavoro e vice-premier del governo Conte

"Credo che in questa settimana alla Camera si aboliranno i vitalizi agli ex parlamentari, sarebbe strano che il Senato arrancasse su questo punto". 

"Chiedere un incontro al Colle è legittimo, a maggior ragione se non si parla di magistratura. Non ho alcun imbarazzo rispetto a questa vicenda della Lega anche perché so che riguarda i tempi di Bossi, non di Salvini". 

"C'è chi pensa che la prossima legge di bilancio sarà la stessa legge di bilancio degli ultimi anni. Ma noi siamo in un momento in cui l'atteggiamento dell'Italia sulla migrazione, sarà l'antipasto di quello che faremo in Ue sull'economia". 

"Giovanni Tria non ha mai detto che non ci sarà reddito di cittadinanza e flat tax. Tra di noi c'è massima unità d'intenti". 

"Reddito di cittadinanza subito, entro quest'anno, perché è la nostra priorità, poi essendo io una persona leale, visto che ho firmato un contratto che prevede anche flat tax e via la legge Fornero, lavoreremo giorno e notte per raggiungere anche questi obiettivi". 

L'idea, rilanciata anche da Beppe Grillo recentemente, di privatizzare due reti su tre "è nel nostro programma del 2009, ma oggi nel contratto di governo c'è quella di riportare il merito nella Rai". Per il momento quindi, sottolinea Di Maio, il direttore generale "dovrà essere una persona al di sopra di ogni sospetto e di ogni vicinanza politica. Noi e la Lega crediamo debba avere esperienze manageriali e capire perché un'azienda con 15 mila dipendenti esternalizza quello che fa".

"Sulle magliette rosse ci sono associazioni coerenti che hanno sempre detto di accogliere tutti ma vedere il Pd che ha bombardato la Libia, ha fatto soldi sul business dell'immigrazione e ha mandato militari a far le guerre e poi si mette oggi le magliette rosse... La maglietta rossa se la doveva mettere dieci anni fa...". Lo dice Luigi Di Maio nel corso dell'"Intervista" a Maria Latella su Sky Tg24 commentando l'iniziativa di Don Ciotti di indossare oggi una maglietta rossa a favore dell'accoglienza dei migranti.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA