Incarico a Carlo Cottarelli Lega e M5s evocano la piazza

Il presidente della Repubblica ha conferito a Carlo Cottarelli l'incarico di formare il governo

Carlo Cottarelli ha ricevuto l'incarico di formare il governo dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Si tratterà di un governo snello, con pochi ministri, che sarà presentato al Quirinale in tempi strettissimi, entro domani, senza preventive consultazioni. L'economista spiega che si presenterà in Parlamento con un programma che porti l'Italia al voto nel 2019, dopo il sì alla Legge di Bilancio, se avrà la fiducia; o 'dopo agosto' se non l'avrà. Cottarelli garantisce una gestione prudente dei conti e sottolinea il ruolo dell'Italia nel dialogo con l'Ue. Sulla carta comunque Cottarelli non avrebbe i numeri in Parlamento mentre Salvini avverte Berlusconi: 'Se voterà la fiducia al nuovo governo, addio all'alleanza'. Il Pd annuncia il sì. Mentre Grillo dal suo blog vede gli italiani 'avviliti' perché i mercati parlano per loro.

"Fesserie, roba da regime", così il leader della Lega, Matteo Salvini, a Radio Anch'io, su Radio Rai definisce la tesi secondo cui lui per primo non volesse andare al governo. "I giornali per mesi mi hanno offeso, c'è stato un regime", ha aggiunto.

E Luigi Di Maio dice: 'Con la Lega realizzare il contratto in commissione'. Il leader pentastellato poi invita alla mobilitazione: 'Il 2 giugno tutti a Roma per una grande manifestazione'.

"Le elezioni sono una grandissima occasione. Da un lato gli sfascisti istituzionali dall'altro un fronte ampio guidato dal Pd ma che non sia solo il Pd. Anzi con gente che non ha apprezzato tutto ciò che ha fatto il Pd", ha detto Matteo Renzi a Circo Massimo. "Sarò come tutti in campo a dare una mano. Se gioco mediano stavolta nessun problema. Non mi interessa aprire la discussione né sul contenitore, né se lo facciamo con le primarie: mi va bene qualsiasi soluzione. Voglio giocare una partita da mediano. Ma è una sfida pazzesca".

LA SITUAZIONE DEI MERCATI, spread ai massimi dal 2013

LE PAROLE DI COTTARELLI DOPO IL COLLOQUIO CON MATTARELLA - "Il presidente mi ha chiesto di presentarmi in Parlamento con un programma che porti il Paese a nuove elezioni". "Ho accettato l'incarico di formare un governo come mi ha chiesto il presidente della Repubblica. Sono molto onorato come italiano di questo incarico e naturalmente ce la metterò tutta", ha spiegato Carlo Cottarelli. "In assenza di fiducia il governo si dimetterebbe immediatamente ed il suo compito è quello dell'ordinaria amministrazione per le elezioni dopo il mese di agosto". "Negli ultimi giorni sono aumentate le tensioni sui mercati finanziari - ha detto Cottarelli dopo avere accettato l'incarico con riserva di formare il governo -, lo spread è aumentato, tuttavia l'economia italiana è in crescita e i conti pubblici rimangono sotto controllo. Un governo da me guidato assicurerebbe una gestione prudente dei nostri conti pubblici". "Il dialogo con la Ue in difesa dei nostri interessi è essenziale, deve essere un dialogo costruttivo, nel pieno riconoscimento del ruolo essenziale" dell'Italia. Cottarelli ha anche confermato la "continua partecipazione all'area dell'euro". Il premier incaricato ha assicurato "tempi molto stretti" per la presentazione della "lista dei ministri" al presidente della Repubblica. 

L'INTERVENTO DI COTTARELLI DOPO AVER RICEVUTO L'INCARICO DA MATTARELLA

Entro domani lista Cottarelli

IL PROFILO DI COTTARELLI

Dalla rinuncia di Conte all'arrivo di Cottarelli, le reazioni - TUTTI I VIDEO

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA