Il futuro dei media al Forum di San Pietroburgo, l'ANSA c'è

L'ad Cerbone: 'Giornalismo deve basarsi su fondamentali passato'

 Che futuro per il giornalismo (in generale) e le agenzie di stampa (in particolare)? Una domanda impegnativa, visto i cambiamenti drastici e le sfide che devono affrontare i media contemporanei, a cui ha cercato di rispondere la tavola rotonda 'The Future of Journalism' tenutasi oggi al Forum Economico di San Pietroburgo. Tra le grandi agenzie mondiali invitate, c'era anche l'ANSA. "Il futuro del giornalismo - ha detto nel suo intervento l'amministratore delegato dell'agenzia Giuseppe Cerbone - si deve fondare sui fondamentali del suo passato: la correttezza etica e la professionalità". L'incontro è stato moderato da Mikhail Gusman, vice presidente del News Agency World Council (NACO) e da Clive Marshall, Ceo della britannica Press Association. Tra i 'panellist', oltre a Cerbone, anche Sergey Mikhaylov, direttore generale della russa Tass, Christine Buhagiar, responsabile dell'area Europa dell'Agence France-Presse (AFP), Sung-Boo Cho, presidente e Ceo della coreana Yonhap, Peter Kropsch, presidente della tedesca DPA e Ian Phillips, vice presidente del desk internazionale dell'americana Associated Press (AP). "Nell'attuale contesto del mercato - ha sottolineato Cerbone - devono sicuramente cambiare i metodi di lavoro, deve aumentare la flessibilità e la capacità di utilizzare di più e in modo più efficace le nuove tecnologie, ma le basi del lavoro giornalistico, la notizia, l'analisi, le verifiche e l'approfondimento rimangono le fondamenta su cui va costruito il futuro. Più complesso lo scenario per gli editori, caratterizzato da una serie di fattori legati alla rapidità con cui evolvono i bisogni del mercato, le tecnologie e i modelli di business, alla necessità sempre crescente di regolamentazione sul tema del copyright, all'esigenza di un sano modello di gestione economica e - ultimo ma non ultimo - alla presenza sempre più importante di player mondiali come Google e Facebook" "Anche per gli editori - ha concluso - la continua analisi di un mercato in continua evoluzione, il rispetto della privacy dei clienti, l'innovazione, la qualità dei prodotti e la rapidità di esecuzione sono elementi essenziali per la sopravvivenza e lo sviluppo: l'ANSA, una delle prime agenzie europee, pone da sempre questi principi al centro della propria strategia di sviluppo".(ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA