• Salvini: '51% possibilità governo con centrodestra e Cinquestelle'. Di Maio: '0% noi con ammucchiata'

Salvini: '51% possibilità governo con centrodestra e Cinquestelle'. Di Maio: '0% noi con ammucchiata'

Il leader del Carroccio in visita al sacrario di Redipuglia: 'Un premier 'terzo'? E chi lo vota'

E' guerra di percentuali fra M5S e Lega: la settimana che dovrebbe chiudersi con un nuovo giro di consultazioni al Quirinale si consuma all'insegna di un crescendo di attriti fra Matteo Salvini e Luigi Di Maio e sembra allontanare l'ipotesi di un incontro fra i due leader che si sarebbe dovuto tenere prima dei colloqui con il Capo dello Stato.

Le possibilità di fare un governo "ammucchiata" centrodestra-5stelle sono pari "allo zero", chiarisce infatti il leader dei pentastellati gelando Salvini, che poco prima aveva alzato l'asticella al 51 sulle possibilità di un governo insieme. A fine giornata, come racconta il leader leghista, i due non si sentono ma ribadiscano i paletti a distanza.

Tenuto conto delle tensioni anche all'interno della coalizione di centrodestra e della ribadita indisponibilità del Partito democratico a incrociare i propri destini con i vincitori delle elezioni resta difficile immaginare una soluzione a breve per dare vita a un governo e, in molti continuano a dirsi convinti che prima della fine di aprile, quando si saranno consumate le regionali in Friuli Venezia Giulia e in Molise, il quadro non sia destinato a schiarirsi.

Ieri anche il Financial Times, in un editoriale, rileva come lo stallo potrebbe protrarsi per un paio di mesi. Nonostante l'esito incerto delle elezioni - è però il ragionamento del quotidiano della City - i mercati non hanno fibrillato e questo lo si deve alla "rassicurante presenza di Mattarella".

Poi, certo, si sottolinea "ci saranno tuttavia dei limiti ai poteri del Capo dello Stato e alle sue opzioni tattiche nelle prossime settimane" e quindi non è escluso, conclude l'editoriale, che si possa tornare al voto. Se i rapporti 5S-Lega sono dunque tesi e complicano la ricerca di una soluzione, anche nella coalizione Fi-Lega-Fdi si continuano a registrare divergenze come testimonia lo stop di Salvini, impegnato in un tour per vincere in Friuli Venezia Giulia, a ulteriori vertici: "Non è - dice - che possiamo vederci tutti i giorni. Esiste il telefono fortunatamente nel 2018".

Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d'Italia, insieme a Forza Italia insistono infatti nella richiesta di cercare voti in Parlamento per dare vita a un Esecutivo: "Chiederemo - annuncia la leader di Fdi - al presidente della Repubblica di avere il mandato per provare a formare il governo con chi ci sta". Un punto su cui però il leader leghista resta di avviso diverso: "Io mi sento pronto a prendere per mano questo Paese ma solo con una maggioranza certa. Serve un accordo scritto tra centrodestra e Cinque Stelle". Al di là "dei veti o delle simpatie - ribadisce sempre Salvini parlando ai 5S - facciamo qualcosa o no? Se la risposta è no, i numeri sono numeri, si torna al voto".

Alla fine della giornata le distanze non si accorciano ed i toni si inaspriscono: "Di Maio, in questo momento - taglia corto Salvini - mi interessa meno di zero". Ma sono zero anche, ribadiscono i Democratici, le probabilità di un'intesa Pd-M5S o Pd-centrodestra: "Non sono d'accordo a fare un governo con chi ha delle ricette diverse dalle nostre", sottolinea infatti Graziano Delrio, capogruppo del Pd alla Camera. E mentre "fra i vincitori regna il caos - si smarca il reggente del partito, Maurizio Martina - noi proviamo a fare buona politica". Da parte loro, però, anche i 5S rivendicano essere quelli pronti a puntare tutto sul cambiamento: "Non avrebbe senso fare il presidente del consiglio per tirare a campare", dice infatti Di Maio, anche lui in tour elettorale ma in Molise, che a fine serata si mostra però più ottimista assicurando "che ce la metteremo tutta per creare un governo del cambiamento prima della fine del mese".

APPELLO DI FICO AL DIALOGO

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA