Elezioni, Cei: 'Chiesa non è un partito, non fa accordi'

Il cardinal Bassetti: 'Immorale lanciare in campagna elettorale promesse che non si possono mantenere'. 'Superare sfiducia ed andare a votare'

"La Chiesa non è un partito e non stringe accordi con alcun soggetto politico". Lo ha detto a chiare lettere il presidente Cei, card. Gualtiero Bassetti. "Come ha detto Papa Francesco 'dialogare non è negoziare'. Negoziare, infatti, consiste soltanto nel cercare di ricavare la propria 'fetta' della torta comune. Ma non è questo, ovviamente, ciò che intendiamo. Dialogare significa, invece, cercare il bene comune per tutti".

Il presidente della Cei, card. Gualtiero Bassetti, invita i politici in campagna elettorale "alla sobrietà", "nelle parole e nei comportamenti". "La campagna elettorale sta rendendo serrato il dibattito, ma non si può comunque scordare quanto rimanga immorale lanciare promesse che già si sa di non riuscire a mantenere. Altrettanto immorale è speculare sulle paure della gente: al riguardo, bisogna essere coscienti che quando si soffia sul fuoco le scintille possono volare lontano e infiammare la casa comune, la casa di tutti".

 

Poi ha invitato a "superare ogni motivo di sfiducia e di disaffezione per partecipare alle urne con senso di responsabilità".

"Bisogna reagire a una cultura della paura che - ha detto ancora Bassetti parlando di migranti - seppur in taluni casi comprensibile, non può mai tramutarsi in xenofobia o addirittura evocare discorsi sulla razza che pensavamo fossero sepolti definitivamente. Non è chiudendo che si migliora la situazione del Paese". "Ogni cristiano è chiamato ad andare verso di loro con un atteggiamento di comprensione e compassione" perché siamo "un'unica famiglia umana"

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA