Grillo-Di Maio: nessuna frattura, convergenze sui temi

Appello a gruppi se M5S senza maggioranza. Media inventano

 "Abbiamo un unico programma presentato ieri assieme al simbolo e un unico candidato premier. Come sempre abbiamo detto, la sera delle elezioni, se non dovessimo aver raggiunto la maggioranza assoluta, faremo un appello pubblico a tutti i gruppi e chiederemo di dare un Governo a questo Paese sui temi. No spartizioni di poltrone o di potere, ma soluzioni concrete ai problemi del Paese". Lo affermano, in un post su fb Beppe Grillo e Luigi Di Maio che attaccano: oggi i media "si sono inventati una frattura tra noi due che non c'è e non c'è mai stata".

"Comprendiamo che per i giornalisti italiani sia difficile pensare che tra noi due, in tanti anni, non ci siano mai stati attriti o discussioni, quindi se vogliono ogni tanto fingeremo di non sopportarci a vicenda. Insceneremo un litigio e gli manderemo il video", scrivono Grillo e Di Maio in un post pubblicato sulla pagina facebook del candidato premier del Movimento. "Il loro sogno sarebbe un movimento diviso su tutto come il centrodestra che ha 5 idee diverse su ogni tema e 5 candidati premier, e che si autodistruggerà per le guerre di potere. Nel MoVimento prima di tutto ci vogliamo bene e siamo motivati da un sogno comune al quale stiamo dedicando la nostra vita da anni insieme a migliaia di attivisti e milioni di cittadini in tutta Italia. Questo affetto, questa motivazione, questa profonda convinzione sono totalmente estranei ai partiti. Sarebbe proprio come se un panda mangiasse carne cruda", sottolineano.

"Il movimento 5 stelle - ha detto poi Di Maio a margine di un incontro con gli imprenditori a Civitanova Marche - ha sempre detto che vuole governare da solo, ma se non dovessero esserci i numeri sarà nostro dovere non di convergere sugli scambi di poltrone, come si è fatto negli ultimi anni, ma di presentare i nostri programmi per verificare eventuali adesioni". Quanto al programma: "I punti per l'Italia che noi presenteremo domani a Pescara saranno 20 punti prioritari per garantire qualità della vita agli italiani".

Intanto Di Battista annuncia tre comizi in tre località legate a Berlusconi, Renzi e la Boschi - "Io il 1 febbraio parto in tour, farò un comizio ad Arcore, uno a Rignano sull'Arno e uno a Laterina, l'ultimo che farò. L'obiettivo, da non candidato è fare arrivare il più possibile consensi al M5S". Lo annuncia Alessandro Di Battista a margine del Villaggio Rousseau di Pescara. Le tre località sono rispettivamente legate a Silvio Berlusconi, Matteo Renzi e Maria Elena Boschi.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA