Banche: Nuovo affondo di Di Maio: 'Quanto è coinvolto lo Stato?'

'Chi sa parli', ammonisce il candidato premier M5s che invita anche all'elezione del Governatore di Bankitalia da parte del Parlamento

Nuovo affondo di Luigi Di Maio sulle banche. "Penso - dice il candidato premier M5s - che il Pd stia affondando come il Titanic e prima che affondi faccio un appello a quelli del Pd: parlateci, diteci tutto sullo scandalo banche". "Qui non è coinvolta solo la Boschi che è solo la punta dell'iceberg, ci sono Verdini, Berlusconi, Ghizzoni - ha aggiunto -, ci sono tante persone coinvolte in questo scandalo che farà crollare la seconda repubblica, ma prima di vederla affondare vogliamo sapere la verità".

"Perché né il premier Gentiloni, né l'ex premier Renzi, né Berlusconi chiedono le dimissioni di Boschi? Quanto è grande questo scandalo bancario? Quanto condiziona l'azione del governo?", attacca Di Maio che sottolinea: "Il Pd è destinato a scendere sotto il 20%, è come se fosse sul Titanic, chi vuole salvarsi dica la verità".

E propone l'elezione del Governatore di Bankitalia in Parlamento. "Chi deve sorvegliare le solidità delle banche, ovvero il governatore della Banca d'Italia, non deve essere appannaggio del governo ma va eletto come il presidente della Repubblica ad ampia maggioranza, con i due terzi delle Camere riunite, in modo che non debba ringraziare nessuno".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA