Claudio Fava, dalla Rete ai Cento passi per la Sicilia

Sessant’anni, due figli, una laurea in legge, un trascorso nei campionati di pallanuoto. Giornalista e autore cinematrografico e televisivo. Ha pubblicato numerosi libri, tra cui 'Mar del plata' e l'ultimo 'Prima che la notte'. La carriera nei giornali è iniziata con la collaborazione con 'I Siciliani', fondato dal padre Giuseppe Fava, che venne assassinato dalla mafia il 5 gennaio 1984 a Catania.

E' tra i fondatori della Rete con Leoluca Orlando. Nel febbraio 1999 Walter Veltroni lo vuole Segretario regionale del partito in Sicilia e capolista alle elezioni europee del 1999, e viene eletto europarlamentare. Sarà anche segretario regionale dei Ds e membro della Direzione Nazionale.

Per dieci anni deputato al parlamento europeo, è vicepresidente della Commissione Antimafia.

Con Monica Zappelli e Marco Tullio Giordana ha curato la sceneggiatura del film I cento passi che racconta la vita e l'omicidio di Peppino Impastato. Da lì prende spunto il nome della sua lista 'Cento passi per la Sicilia'.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA