Guardia Costiera, Ong non attraggono i migranti

Nel 2016, 16 sconfinamenti in acque libiche e yutti autorizzati dalle autorità

La presenza delle navi delle ong davanti alla Libia non rappresenta un "pull factor", un "fattore di attrazione" per i trafficanti di esseri umani. Lo ha detto il capo del reparto operazioni della Guardia Costiera, Nicola Carlone, in un'audizione al Comitato Schengen, sottolineando che "spesso la loro presenza non dà impulso alle partenze". 

IL VIDEO DELL'AUDIZIONE


Carlone ha detto che nel 2016 il 26% degli interventi sono stati fatti dalle ong. Ma ha spiegato che se è vero che il numero delle navi delle ong è passato dall'unica impegnata nel 2014 alle 12 attualmente operative, "non c'è mai stata la presenza contemporanea di tutte le navi nell'area di ricerca e soccorso".   In ogni caso, non è questa presenza a far partire i migranti.     "In questi giorni c'è mare tranquillo, abbiamo diverse navi in mare e non succede nulla. Il traffico viene regolata a terra, sono le organizzazioni che decidono" a prescindere da meteo e presenze in mare. Senza contare che le partenze dalla Libia sono iniziate nel 2009 e da allora "tutti sanno che ci sono decine di unità in mare, comprese quelle che operano per le piattaforme".

   

Gli sconfinamenti nelle acque territoriali libiche da parte di mezzi italiani, europei e delle ong impegnati nelle operazioni di ricerca e soccorso sono stati 16 nel 2016 e sono stati "tutti autorizzati" dalle autorità libiche. Lo ha detto il capo ufficio operazioni della Guardia Costiera, il controammiraglio Nicola Carlone, in un'audizione al Comitato Schengen, parlando in ogni caso di episodi "sporadici". La Libia, ha spiegato, "non ha una sua area Sar, dunque quando riceviamo una richiesta di soccorso che proviene dalle acque territoriali libiche non possiamo far altro che avvisare la guardia costiera libica". Che, aggiunge, "risponde in modo altalenante: a volte ci vieta di intervenire, a volte ci dice di non essere in grado di procedere, altre ancora interviene direttamente senza informarci. In ogni caso, l'ingresso nelle acque territoriali libiche non è mai stato esercitato in maniera autonoma ma sempre in seguito a una richiesta del centro di soccorso libico". Carlone non ha però escluso che vi possano essere casi in cui vi sia stato "lo spegnimento del transponder o una mancata propagazione del segnale".

Le autorità maltesi continuano a negare l'attracco nei porti dell'isola alle navi cariche di migranti e limitano al massimo i loro interventi di soccorso. E' quanto ha detto in commissione Schengen il capo ufficio operazioni della Guardia Costiera, Nicola Carlone, parlando di "conflittualità" tra Italia e Malta soprattutto per quanto concerne l'area di ricerca e soccorso. Ogni volta che un'imbarcazione viene soccorsa, ha spiegato il controammiraglio, va individuato un porto sicuro dove far sbarcare i migranti. E spesso questi porti sono quelli di Malta, o della Tunisia. "Ogni volta che riceviamo una chiamata di soccorso - ha spiegato Carlone - avvisiamo i centri più vicini. Ma loro ci dicono di no. E' successo un mese fa, almeno un paio di volte con la Tunisia. E succede spesso con Malta". E anche per quanto riguarda i soccorsi in mare, le cose non vanno molto diversamente. Alcuni paesi, ha infatti detto Carlone riferendosi in particolare proprio a Malta, "tendono a sottovalutare le condizioni di reale pericolo in cui si trovano le imbarcazioni, per sottrarsi all'obbligo di dichiarare intervento Sar e dunque intervenire, e si limitano ad un monitoraggio, fino a quando le imbarcazioni non lasciano le acque territoriali". Di fatto, "mirano ad evitare di intervenire su flussi che poi proseguono verso l'Italia".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE:

Video ANSA