Di Maio: 'Gentiloni come camomilla per malati terminali'. Ira Pd

Guerini: "Una affermazione indecente". Il vice presidente della Camera ribadisce la richiesta di andare al voto

Ira del Pd per un post di Luigi Di Maio sul blog di Beppe Grillo intitolato sarcasticamente #camomillaGentiloni nel quale il vice presidente della Camera attacca: "La camomilla a un malato terminale fa lo stesso effetto di Gentiloni all'Italia di oggi. Cambiamo medicina subito. Al voto, al voto!". "Le rassicurazioni sono chiacchiere, non ne abbiamo bisogno. Il partito che regge il governo - scrive Di Maio - è esploso, il suo alleato Verdini condannato a 9 anni di carcere, lo scandalo Consip è appena all'inizio, il Parlamento è immobile, non abbiamo ancora una legge elettorale omogenea per le due Camere, i poveri aumentano, le aziende chiudono o delocalizzano". 

Quella di Luigi Di Maio sul governo - attacca il vice segretario del Pd Lorenzo Guerini - è una "affermazione indecente per un uomo politico: strumentalizzare le condizioni di sofferenza dei malati terminali per polemica politica credo sia condannabile ancora di più per chi riveste il ruolo di vicepresidente della Camera. Pensi Di Maio alle cose che ha detto". "Di Maio - dice anche il ministro per i Rapporti con il Parlamento Anna Finocchiaro - usa parole gravissime. Dal vicepresidente della Camera mi aspetto più rispetto per l'Italia e le istituzioni. E anche per i malati". Sempre dal Pd Francesca Puglisi: "Caro #DiMaio, mi vergogno per te, per tue affermazioni indegne, per il tuo poco rispetto per le istituzioni e per tutti coloro che soffrono". Mauro Del Barba‏: "A volte mi chiedo fino a che punto può arrivare questa deriva e sono preoccupato per futuro di questo paese e dei nostri figli". Stefano Esposito: "Oltre al poco rispetto per Paese e per istituzioni, vicepresidente della Camera #DiMaio ha poco rispetto anche per chi soffre. #vergogna". 

 

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA