Unioni civili, Orlando: 'Svolta storica, presto i decreti'

Il mio testo entro luglio. Affrontare vuoto su adozioni

"L'affermazione di questo istituto nella quotidianità farà giustizia di molti fantasmi che sono stati agitati nel dibattito parlamentare e pubblico". Lo afferma il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, commentando la prima unione civile tra due donne nel Bolognese. In un'intervista a Repubblica, Orlando garantisce tempi rapidi sui decreti attuativi.

"Il decreto cosiddetto 'ponte' sarà emanato entro agosto. I decreti di mia competenza invece devono essere approvati entro novembre. Io intendo però inviare il testo al Consiglio dei ministri entro la fine di questo mese. Più breve sarà la disciplina transitoria, meglio è", spiega. Secondo Orlando è "importante che mentre alle porte di casa nostra si restringono gli spazi di libertà e qualcuno ritiene che sia necessario restringerli anche qui, con questa legge si vada invece in un'altra direzione. Fare questa scelta oggi è un modo per dire che non ci pieghiamo alla logica della chiusura".

Il ministro, come aveva già dichiarato in passato, ritiene necessaria anche una legge sulle adozioni: "Le condizioni politiche non hanno consentito di raggiungere l'obiettivo", ora "chi non ha voluto una disciplina in materia, qualunque fosse, non può lamentarsi adesso del fatto che questa lacuna sia colmata dal giudice alla luce delle norme vigenti". "Il vuoto obiettivamente c'è, ma se ci fossero le condizioni politiche, venute meno per un clamoroso cambio di posizione di M5S, penso che sarebbe più proprio affrontare la questione nell'ambito della riforma delle adozioni, piuttosto che in relazione alle unioni civili", conclude.
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA