Salvini in Israele: 'Nuovi nazisti uccidono in nome di Allah'

Segretario della Lega dopo la visita al Museo della Shoah

"I nuovi nazisti sono quelli che ammazzano in nome di Allah". Lo ha detto Matteo Salvini al termine della visita al Museo della Shoah a Gerusalemme aggiungendo che "nessuno deve voltarsi mai più dall'altra parte", come avvenne allora, anche "di fronte ai nuovi folli che spargono sangue innocente". La Shoah deve "far parte della nostra identità di uomini" ha poi spiegato sottolineando che la tragedia avvenne "quando la maggioranza silenziosa rimase silenziosa". Per questo ha auspicato che quella maggioranza non resti oggi senza voce di fronte "al nuovo pericolo che si chiama estremismo islamico". Il leader della Lega ha osservato che "non c'e' un ritorno dell'antisemitismo, sepolto dalla storia". "Ci sono - ha continuato - episodi limitati che vanno condannati con estrema durezza e stroncati sul nascere. I nuovi pericoli sono altrove". "Se Hitler allora fosse stato fermato, non ci sarebbero stati 6 milioni di morti. Se oggi qualcuno pensa che con i nuovi nazisti si possa dialogare, mi ricorda - ha concluso - l'Europa degli anni '30".

 

 

Bell'incontro con padre Pizzaballa, custode di Terra Santa.La presenza cristiana in Israele ormai si è ridotta a poche...

Pubblicato da Matteo Salvini su Mercoledì 30 marzo 2016

 

La situazione dei cristiani in Medio Oriente e in particolare in Terra Santa è stato il tema principale dell'incontro tra Pierbattista Pizzaballa, Custode di Terra Santa in procinto di lasciare fra undici giorni la sede, e il leader della Lega Matteo Salvini. "Un argomento - ha sottolineato Salvini - di cui si parla sempre troppo poco. I pellegrinaggi dall'Italia ad esempio - ha aggiunto - negli ultimi due anni, come mi ha riferito il Custode, sono più che dimezzati a causa della crisi economica ma anche della paura per la situazione dei Luoghi. L'Italia è ora al terzo posto, dopo Usa e Polonia". Salvini ha quindi definito "bello" l'incontro avuto con Pizzaballa, augurandosi di poterlo rivedere presto a Milano.

"Mi piacerebbe - ha detto ancora Salvini riferendo dell'incontro avuto con il ministro della sicurezza Gilad Erdan -  riproporre anche in Italia l'idea del servizio militare obbligatorio come avviene in Israele: un'idea utile - ha spiegato - sia per la sicurezza sia come rieducazione civica".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA