Governo: M5s, reiteriamo la sfiducia alla Boschi

Pd: "Se la presenteranno la respingeremo". Mini contestazione al ministro durante una sua lezione alla Sapienza sulle riforme

Cinquestelle all'attacco dopo la notizia dell'indagine a carico del padre del ministro Boschi. Il movimento chiede di votare in Senato la mozione di sfiducia al ministro. "Se la presenteranno la respingeremo", è la replica dei vertici del Pd. Intanto il ministro ha tenuto una lezione alla Sapienza sulle riforme prima della quale c'è stata una mini contestazione nei suoi confronti.

M5s va all'attacco - "A dicembre avevamo visto giusto ed ora dopo la notizia che il padre del ministro Boschi è indagato per bancarotta fraudolenta per il crac Banca Etruria, reiteriamo la nostra richiesta di dimissioni della stessa dal Governo e chiediamo l'immediata discussione al Senato della mozione di sfiducia nei suoi confronti". Lo dichiara Nunzia Catalfo, capogruppo del Movimento 5 Stelle Senato. "Il Pd non ha mai voluto discutere la mozione di sfiducia alla Boschi che il Movimento 5 Stelle ha depositato a Palazzo Madama lo scorso 15 dicembre - conclude Nunzia Catalfo - Partiamo da lì. La Boschi deve andare a casa, senza se e senza ma".

La replica del Pd - Una eventuale mozione di sfiducia contro il ministro Boschi da parte di M5s "non ha senso, e se la presenteranno la respingeremo". Lo ha detto il vicesegretario del Pd, Lorenzo Guerini, parlando con i giornalisti a Montecitorio. 

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA