Trivelle: la Consulta boccia i ricorsi delle Regioni

Perché non è stata espressa la volontà di sollevare i conflitti "da almeno cinque dei Consigli regionali che avevano richiesto il referendum prima delle modifiche legislative sopravvenute"

La Corte costituzionale ha dichiarato inammissibili i ricorsi per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato promossi dalle Regioni sulla questione delle trivellazioni.
    I ricorsi riguardavano il piano delle aree, il regime delle concessioni ed erano proposti nei confronti del Presidente del Consiglio, del Parlamento e dell'Ufficio centrale per il referendum presso la Cassazione.    

I ricorsi - relativi alle richieste di referendum sulla "pianificazione delle attività estrattive degli idrocarburi" e sulla "prorogabilità dei titoli abilitativi a tali attività" - sono stati bocciati perché, spiega la Consulta, non è stata espressa la volontà di sollevare i conflitti "da almeno cinque dei Consigli regionali che avevano richiesto il referendum prima delle modifiche legislative sopravvenute". 

Le Regioni Puglia e Veneto depositeranno domani - a quanto apprende l'ANSA - due ricorsi in via principale per impugnare di fronte alla Corte Costituzionale le norme in materia di trivellazioni sul piano aree e sulle proroghe delle concessioni. Si tratta delle stesse norme su cui oggi la Corte ha deciso l'inammissibilità dei ricorsi per conflitto di attribuzione supportati da 6 Consigli Regionali. I ricorsi in via principale, già notificati, saranno presentati dalle due Regioni su mandato dei presidenti e delibera di giunta.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA