Libia: Calcagno, tranquilli torno presto

Nuora, non conosciamo ancora tempi e modalità del rientro

(ANSA) - PIAZZA ARMERINA (ENNA), 5 MAR - "State tranquilli, torno presto". E' il messaggio che in più telefonate Filippo Calcagno, 65 anni, uno dei tecnici della Bonatti liberati in Libia, ha fatto alla sua famiglia, a Piazza Armerina, nell'Ennese. Lo riferisce la nuora, Ivana, che parla di "nuovo giorno". Sul rientro dice che loro "non sanno ancora tempi e modalità", né se lo aspetteranno a casa o se andranno, eventualmente, a Ciampino (Roma), dove potrebbe atterrare il volo proveniente dalla Libia. "Sicuramente oggi per noi - aggiunge - è un nuovo giorno, ma la nostra è una felicità spezzata perché il nostro pensiero costantemente va alle famiglie dei due colleghi di Filippo che non potranno riabbracciare i loro cari". "Finalmente siamo riusciti un poco a dormire - rivela - rispetto ai mesi passati nell'angoscia ad aspettare. Siamo in attesa frenetica per poterlo vedere il più presto possibile. E anche lui - chiosa - non vede l'ora di tornare a casa dalla sua famiglia".
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA