Libia: Col Moschin, incursori Esercito

Potrebbero essere utilizzati per intervento forse speciali

''Della Folgore l'impeto''. E'il motto nel nono reggimento paracadutisti d'assalto 'Col Moschin', reparto ad altissima specializzazione cui si potrebbe attingere per un eventuale intervento delle forze speciali in Libia.
    Gli incursori del Col Moschin sono l'unico reparto di forze speciali dell'esercito italiano. Vengono selezionati mediante un impegnativo iter formativo della durata di circa due anni. I parà del nono sono in grado di combattere in tutti gli scenari operativi, dall'alta montagna all'ambiente subacqueo e anfibio, a seguito di aviolanci da alta quota o per infiltrazione a piccoli nuclei e sono particolarmente addestrati ad operare in contesti caratterizzati da elevata autonomia operativa ed a grande distanza dalle linee amiche. Il reggimento è di stanza a Livorno.
    La storia del Col Moschin inizia nella Grande Guerra con le unita' di Arditi, tra cui il nono Reparto d'assalto, utilizzate per sfondare le difese nemiche a premessa degli attacchi delle fanterie. Il nono si distinse sul monte Grappa, dove fu protagonista della riconquista di alcune posizioni austriache, sul Col Moschin, sul Col della Berretta e sull'Asolone.    

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Ultima ora