Migranti: tanta gioia e commozione tra profughi siriani

A Fiumicino i sorrisi dei bimbi e gli applausi a Gentiloni

(ANSA) - FIUMICINO, 29 FEB - Erano le 11,10 quando il primo dei 5 pullmini ha trasferito i 93 profughi siriani giunti questa mattina da Beirut al Terminal 5 dove, dopo le lunghe operazioni di identificazione, era ad attenderli, con decine di fotoreporter, il ministro degli Esteri, Gentiloni.
    Il primo ad attraversare la porta d'ingresso, un uomo con il figlio in braccio avvolto nella bandiera della pace, poi una lunga processione di grandi e piccini: chi sorrideva felice, chi abbassava gli occhi colmi di commozione. A un certo punto è comparsa una famiglia: mamma, papà e per mano i 5 piccoli figli, 4 maschietti e una femminuccia che hanno a lungo salutato felici. C'è stato anche chi non si è limitato a dare la mano agli agenti che presidiavano l'ingresso al Terminal e ha voluto abbracciarli e baciarli. Ma se erano palesemente felici i giovani, non mancavano donne in età apparse forse frastornate dal viaggio, forse colte da un senso di nostalgia, le più con il capo coperto dal velo. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA