Primo sì alle unioni civili, Ala decisiva per quota 161

Il provvedimento ora passa alla Camera

Via libera del Senato alle unioni civili con 173 voti favorevoli, 71 contrari e nessun astenuto. Il provvedimento ora passa alla Camera. I 173 sì alla fiducia sulle unioni civili arrivano con 245 senatori presenti e 244 votanti, come comunicato dal presidente Pietro Grasso in Aula.

18 senatori di Ala su 19 votano la fiducia al governo. Senza di loro il governo avrebbe avuto 155 voti. I verdiniani risultano dunque determinanti per raggiungere la maggioranza soglia della maggioranza assoluta a Palazzo madama, che è a quota 161.

Un applauso dei banchi del Pd ha segnato l'annuncio dell'ok alla fiducia nell'Aula del Senato al ddl Unioni civili. Felice Monica Cirinnà. "E' un primo passo, una vittoria con un buco nel cuore. Questa è una legge importantissima ma penso anche ai figli di tanti amici. Ora dobbiamo fare un secondo passo, siamo a metà della scala": è il primo commento della senatrice Cirinnà al voto di fiducia del Senato al ddl sulle Unioni civili.

"La giornata di oggi resterà nella cronaca di questa Legislatura e nella storia del nostro Paese - ha commentato Matteo Renzi su Facebook dopo il via libera del Senato alle Unioni civili - Abbiamo legato la permanenza in vita del Governo a una battaglia per i diritti mettendo la fiducia. Non era accaduto prima, non è stato facile adesso. Ma era giusto farlo". "Se come minaccia qualcuno io andrò a casa perché 'colpevole' di aver ampliato i diritti senza aver fatto male a nessuno, lo farò a testa alta. Perché oggi l'Italia è un Paese più forte. Perché oggi siamo tutti più forti", ha proseguito Renzi rivendicando la decisione di mettere la fiducia sulle Unioni civili. 

Il governo ieri aveva presentato il maxi-emendamento frutto dell'accordo con Ncd e chiesto la fiducia sul testo. (LEGGI IL TESTO).  

Via dal testo la stepchild adoptione il richiamo alla fedeltà. Anche se arriva la contromossa di un gruppo di senatori Pd che, a questo punto, presenta un ddl per togliere il riferimento all'obbligo della fedeltà reciproca dal codice civile.

"Abbiamo impedito una rivoluzione contronatura e antropologica", aveva detto il ministro dell'Interno Angelino Alfano ma dal centrodestra è arrivata l'accusa di un ddl Frankenstein che causerà innumerevoli ricorsi alla Corte Costituzionale e costituisce un "vulnus alla democrazia".

E al ministro è arrivata la replica dell'ex Pd Pippo Civati che ne chiede le dimissioni: "Chiediamo ad Alfano di prendere la macchina del tempo che lo ha portato fino a noi e di ritornare alla preistoria da cui proviene. Un ministro dell'Eterno ritorno alla discriminazione. Si dimetta". Ma anche della sinistra dem: "Caro Alfano - attacca Roberto Speranza - l'unica cosa contro natura di questi giorni è stato l'oscurantismo di chi non vuol riconoscere l'uguaglianza dei diritti delle persone". "Caro Speranza - la replica di Alfano - è secondo natura che due uomini abbiano un figlio? E' secondo natura che una donna metta sul proprio ventre la targhetta del prezzo. No, caro Speranza. Anche la politica ha un limite: la natura".

"Credo - dice il ministro delle Riforme Maria Elena Boschi - che oggi dovrebbe prevalere il buon senso anche nelle dichiarazioni. Il regalo all'Italia è consentire alla Costituzione di trovare piena applicazione e di affermare finalmente che il progetto di vita tra due persone dello stesso sesso non vale meno di quello tra un uomo e una donna. Il regalo all'Italia è dire che non ci sono cittadini di serie B. E questa legge va nella direzione giusta".

Mercoledì è andata in scena la protesta delle associzioni Lgtb di fronte al Senato (VIDEO)

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA