Via il nome di Beppe Grillo dal simbolo M5s

La carica dei 209, M5S sceglie candidato per Roma

Da oggi Beppe Grillo esce definitivamente ed ufficialmente dal simbolo del M5s. Lo annuncia il blog spiegando che a "seguito della votazione del 17 novembre 2015 e delle varie procedure burocratiche adottate presso il Parlamento italiano ed europeo, le regioni e i comuni oggi si conclude il processo per la modifica del logo del MoVimento 5 Stelle". Per la modifica è stato aggiornato anche il "non statuto" mentre il blog invita tutti gli eletti del Movimento a cariche dello Stato ad utilizzare da oggi esclusivamente il nuovo logo.

La carica dei 209, M5S sceglie candidato per Roma  - La carica dei 209 é partita e da oggi il Movimento 5 Stelle di Roma seleziona online i candidati a sindaco e a consigliere comunale per le prossime elezioni in Campidoglio. Tanti sono gli aspiranti il cui video di presentazione con curriculum è sul blog di Beppe Grillo. Ci sono oltre ai 4 ex rappresentanti in Campidoglio impiegati, dipendenti pubblici, professionisti, imprenditori, docenti delle superiori e universitari, appartenenti alle forze dell'ordine e giornalisti. Divisi per Municipio di appartenenza, ognuno con circa 2 minuti a disposizione. La maggioranza uomini, età media oltre la quarantina. Le votazioni al via probabilmente venerdì. A valutarli nei prossimi giorni i circa 9.500 iscritti certificati M5S a Roma. In 48 passeranno al secondo turno delle 'Comunarie', solo 10 correranno per il posto di candidato sindaco, gli altri saranno in lizza per il Consiglio comunale. Sabato potrebbe conoscersi il nome dello sfidante del movimento. Tra i favoriti resta Virginia Raggi, 37 anni, avvocato e consigliere uscente. "Legalità e trasparenza saranno il nostro faro, l'onestà non potrà mancare - dice nel video -. Dovremo spezzare i vincoli mortiferi che hanno legato i partiti alle forze imprenditoriali malate della nostra città. Noi siamo pronti a darti voce, ma tu avrai coraggio?".

Grillo, "ventiquattro mesi" di balle e propaganda  - "Il Bomba sta spammando gli italiani con una mail di propaganda tutta da ridere", e "mentre è chiaro a tutti che stiamo per precipitare dentro un'altra crisi economica peggiore di quella del 2008 l'ebetino continua a sparare balle, a millantare successi, a dire il contrario della verità". Così Beppe Grillo sul suo blog dove ripropone la mail del premier "con alcune precisazioni" che mette tra parentesi rispetto al testo del governo. "Tra qualche giorno il Governo (non legittimato dal voto popolare) compie due anni. Ventiquattro mesi come le ventiquattro slide che raccontano i primi risultati del governo: le trovate qui e vi sarei davvero grato di un commento (non fatevi sfuggire l'occasione). L'email per dirmi le vostre impressioni è sempre la solita: matteo@governo.it" oppure commenta Grillo su Twitter con l'hashtag #VentiquattroMesiDiBalle. "Ventiquattro mesi racchiusi in questo video (guardatelo: è una delle cose più brutte degli ultimi anni), che restituisce il sapore del viaggio (e della presa per il culo). C'è ancora molto da fare e lo faremo (è una minaccia: ora tocca alle pensioni di reversibilità). Intanto grazie per la vostra fiducia (quale? nessuno ti ha votato), per il vostro affetto, per le vostre critiche (tranne ai giornalisti RAI, loro devono allinearsi alla propaganda di regime della RAI fascista altrimenti vengono bastonati e poi cacciati). E se vi va fate girare queste slide su Facebook, su Twitter, via email agli amici. Perché la quantità di riforme realizzate è impressionante (meno diritti per tutti, tagli alla sanità, distruzione della scuola, riforma della costituzione by Verdini, salvaboschi), ma diventa condivisa solo se arriva agli occhi e al cuore delle persone. E questo possiamo farlo solo insieme".


   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA