Pd: Speranza lancia convention, basta bolle sapone

A marzo a Perugia, Pd superi vecchie liturgie e trasformismi

Una convention degli iscritti dem, dall'11 al 13 marzo a Perugia, perchè, in Italia e in Europa, servono "nuove idee, non bolle di sapone" e perchè bisogna "superare le vecchie liturgie, ma anche le più recenti illusioni nuoviste" ancorando "il Pd al centrosinistra e superando ogni tentazione trasformista". E' l'invito che Roberto Speranza della minoranza dem lancia, in una lettera, agli iscritti del partito in vista della riunione.

In un tempo di profondi mutamenti, "dal ritorno dei fondamentalismi religiosi ai i crescenti fenomeni migratori", la politica, secondo Speranza, appare "debole e litigiosa" e la crisi dell'Ue "è il simbolo più drammatico". Il Pd, scrive l'esponente della minoranza, "ha la responsabilità più grande, sia come forza di governo, sia come partito perno del cambiamento. Abbiamo suscitato tante speranze, ma rischiamo di produrre altrettante disillusioni. Serve un cambiamento profondo". Speranza si rivolge "a chi crede nella politica, ma vuole cambiarla perché troppe cose non vanno". "Vogliamo proporre - scrive - un nuovo punto di vista, superando le vecchie liturgie, ma anche le più recenti illusioni nuoviste. La nostra sfida è ripensare il campo democratico, ancorando il Pd al centrosinistra e superando ogni tentazione trasformista. Vogliamo un partito che sia strumento di progresso e innovazione e non di occupazione del potere, che promuova miglioramenti concreti per la vita dei cittadini. La prima cosa da fare è ricostruire un pensiero e rigenerare una visione capace di interpretare il tempo in cui viviamo".

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA