Renzi,legge su omicidio stradale ci sarà

Siamo andati sotto su un singolo voto su un singolo emendamento

"Sull'omicidio stradale il Governo è andato sotto alla Camera, purtroppo. Su un singolo voto, su un singolo emendamento. La legge sull'omicidio stradale, che noi vogliamo e per la quale ci stiamo battendo con grande energia, ci sarà, sia chiaro. Possono rinviare l'approvazione, ma la legge si farà. Adesso torneremo ancora al Senato, per la quarta navetta". Lo scrive il premier Matteo Renzi nell'Enews.

"Sul contenuto del singolo emendamento - prosegue il segretario del Pd - ovviamente, si può discutere. Ma quello che mi ha fatto male è che molti deputati dell'opposizione - contenti per il voto contro il governo - hanno iniziato a urlare e applaudire in aula, esprimendo la loro sfrenata gioia. Incuranti del fatto che in tribuna, e a casa, molte famiglie che hanno perso un figlio, un genitore, un parente per un incidente stradale hanno vissuto quegli applausi come uno schiaffo. Si può strumentalizzare ogni battaglia politica. Si può legittimamente andare contro il Governo su tutto. Ma credo sia giusto avere più rispetto per le vittime degli incidenti, che hanno patito quegli applausi come una clamorosa offesa a loro e al loro dolore. Aggiungo: ieri un cittadino di 59 anni, in Liguria, è stato ucciso da un conducente che viaggiava a tutta velocità, sotto effetto di droga e di alcool. Se gli stessi che hanno applaudito in aula avessero votato a favore, oggi quel conducente potrebbe essere punito con molta severità. Invece non è accaduto. E oggi i colleghi di quelli che hanno votato contro il governo fanno comunicati stampa per chiedere più severità? Con che faccia, scusate?".


   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA