• Migranti: Juncker chiede vertice straordinario. Austria introduce tetto con limite a ingressi

Migranti: Juncker chiede vertice straordinario. Austria introduce tetto con limite a ingressi

'Ankara ha fatto sua parte, Bruxelles risolva problemi interni'

Il presidente della Commissione Ue Jean Claude Juncker ha chiesto che venga convocato un vertice straordinario dei leader europei per affrontare la crisi dei migranti. Lo ha reso noto lo stesso Juncker durante una conferenza stampa all'Europarlamento. 

Austria introduce 'tetto',127.500 fino a 2019
L'Austria introdurrà una sorta di tetto limite al numero di richiedenti asilo nel Paese: fino al 2019 dovranno essere complessivamente massimo 127.500. Il vice cancelliere Reinhold Mitterlehner ha parlato esplicitamente di un "tetto limite"

Ieri il terzo hotspot italiano è diventato operativo a Pozzallo

Dopo le polemiche dei giorni scorsi e la richiesta di chiarimenti dell'Italia all'Ue sui tre miliardi alla Turchia per i rifugiati, Berlino preme su Roma:  "Riteniamo necessario che si concluda velocemente l'accordo" sulla Turchia. Lo ha detto il portavoce di Angela Merkel, Steffen Seibert, a Berlino, rispondendo ad una domanda su come il governo tedesco valuti la posizione dell'Italia che sta bloccando l'intesa sulla ripartizione sui fondi.

' L'Ue deve risolvere i suoi contrasti interni e mantenere le promesse fatte alla Turchia in merito all'accordo sui migranti, che prevede il trasferimento di 3 miliardi di euro per la gestione della crisi. Lo ha detto il ministro per gli Affari Europei di Ankara, Volkan Bozkir, alla tv di stato Trt. "Il metodo che useranno in relazione all'accordo è una questione interna all'Ue", ha aggiunto Bozkir, sostenendo che la Turchia ha già rispettato la sua parte dell'accordo.

l premier olandese Mark Rutte che detiene la presidenza di turno dell'Ue in conferenza stampa a Strasburgo ha affermato: "Stiamo tutti lavorando molto duramente per sbloccare i 3 miliardi per la Turchia" su cui l'Italia ha posto la sua riserva formale"

 

L'Fmi fa i conti e spiega che  il flusso dei rifugiati che cercano asilo in Europa può avere un immediato effetto di crescita per l'economia. E sottolinea che l'effetto sarà "modesto" per l'Ue nel complesso, con il pil che crescerà dello 0,1% in più nel 2017, ma "più pronunciato nei paesi di destinazione". I costi di bilancio nel breve termine per gli Stati che si prenderanno cura di chi cerca asilo potrebbero salire per i paesi europei fra lo 0,05% e lo 0,1% del nel 2015 e nel 2016. Per l'Italia sono stati dello 0,17% del pil nel 2014, dello 0,20% nel 2015 e sarebbero dello 0,24% nel 2016.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA