Riforme: passa ddl Boschi, arriva il nuovo Senato

Premier saluta: "Gufi e loro derivat".

Redazione ANSA ROMA

Dopo mesi di trattative, milioni di emendamenti presentati e poi "cangurati", "trabocchetti", discussioni e proteste, il voto finale, di questa terza lettura a Palazzo Madama del ddl Boschi, arriva in un'Aula piena a metà. E con l'intervento a sorpresa di Giorgio Napolitano in difesa della riforma che crea ulteriore agitazione nelle file dell'opposizione già preparate all'Aventino prima del voto. I banchi del M5S, di Sel e della Lega vuoti ed il gruppo di Forza Italia in ordine sparso: c'è chi esce; chi resta e non vota; e chi dice sì (Bocca e Villari): questa la fotografia dell'Aula. 

I Dem accolgono il via libera del provvedimento, 179 sì, 16 no e 7 astenuti, con un applauso non lunghissimo e una breve processione ai banchi del governo per andare a stringere le mani al ministro Maria Elena Boschi e al sottosegretario Luciano Pizzetti: i veri protagonisti, insieme ad Anna Finocchiaro, della partita Riforme. "Non è stato bello - commenterà poi Pier Ferdinando Casini - vedere quest'Aula mezza vuota proprio mentre si sta modificando la Costituzione". Soprattutto, osserva la presidente del Misto Loredana De Petris, se si pensa al clima "differente che c'era quando la Carta è nata nell'Assemblea Costituente". Ma è con questa fotografia che si chiude la prima parte di una giornata piuttosto concitata a Palazzo Madama. Una giornata che, cominciata con due riunioni di gruppo in contemporanea, una di FI con Berlusconi e una dell'ufficio di presidenza del Pd dedicate anche al tema delle unioni civili, ha nella protesta delle opposizioni e nell'intervento dell'ex Capo dello Stato Giorgio Napolitano i due momenti "clou". I senatori 5 Stelle abbandonano l'emiciclo due volte: quando prende la parola Napolitano e quando si tratta di votare il ddl. Nel secondo "abbandono", i rappresentanti del M5S lasciano sui banchi cartoncini verdi, bianchi e rossi tirati fuori mentre parlava in diretta tv il loro portavoce Gianluca Castaldi, per dare un tocco "tricolore" all'emiciclo in cui si sta cambiando la Carta Costituzionale. Cartoncini che vengono prontamente rimossi dai commessi non appena i 5 stelle se ne vanno via. Anche i senatori della Lega attaccano a testa bassa il ddl Boschi e, dopo l'intervento di Roberto Calderoli in cui parla di "provvedimento dettato dalla massoneria" e di "rischio dittatura", escono dall'Aula sventolando i libretti della Costituzione. Calderoli mostra anche una bottiglietta di vetro, chiusa nella mano destra. Qui, spiega ai cronisti c'è "l'olio di ricino per il futuro", per la "dittatura che verrà". Anche Sel sceglie l'Aventino. Lucio Barani e Vincenzo D'Anna, i parlamentari del gruppo Ala di Verdini che erano stati sospesi 5 giorni per i "gesti sessisti" rivolti a Barbara Lezzi (M5S), riprendono posto nell' estrema destra dell'emiciclo e non reagiscono anche quando Castaldi torna ad accusarli. Oltre al voto, è anche l'intervento di Napolitano a dividere l'Aula. Quando lui prende la parola per difendere il ddl Boschi e per dire che l'Italicum a questo punto potrebbe anche venire modificato, lasciano i propri banchi non solo i 5 Stelle, ma anche numerosi esponenti di FI tra cui Paola Pelino: la senatrice di viola vestita che poi abbraccerà e bacerà con foga il suo capogruppo Paolo Romani al termine della dichiarazione di voto. Lungo invece l'applauso che riservano all'ex Capo dello Stato i senatori Dem, alcuni dei quali, come Pizzetti, gli vanno a stringere la mano o a fargli un'affettuosa carezza anche sulla testa, come fa Luigi Manconi. Dopo il voto, l'emiciclo si svuota ma da domani sarà teatro di nuove battaglie.

Interviene anche il presidente del Senato, Pietro Grasso, dopo l'ok al provvedimento.  "E' stato un percorso lungo e segnato da momenti tesi - scrive su Facebook -: non sono state settimane facili. In coscienza posso dire che in un clima così infuocato ho fatto di tutto per rimanere imparziale senza lasciarmi condizionare dalle ragioni degli uni o degli altri".  

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Archiviato in