Clima: Trump annuncia l'addio all'accordo di Parigi. Europa e Cina contro: 'Indietro non si torna'

'Gli Usa negozieranno un nuovo accordo. Da oggi non rispettiamo più parti non vincolanti'

I tifosi di Donald Trump scendono in piazza per sostenere il loro presidente. L'occasione e' la decisione sull'accordo di Parigi che ha creato sgomento nel resto del mondo, ma non tra chi Trump lo ha votato e che adesso plaude al suo operato apprezzandolo perche' "fa quello che ha promesso" e "si occupa dei problemi importanti per l'America". Non sono molti i manifestanti radunatisi a Lafayette Square sul lato nord della Casa Bianca, offrendo comunque un'immagine inedita visto che in questi mesi lo stesso spiazzo ha ospitato spesso manifestazioni di contestazione per il tycoon eletto presidente. E l'accordo di Parigi per alcuni e' una questione del tutto marginale. "Io non sono qui per quello. Non mi interessano questi temi globali. Io sono qui per Trump e per le cose importanti: lavoro, lavoro, lavoro!", spiega all'ANSA Marilyn che da nubile si chiamava Rubino, di origine napoletana tiene a precisare.

Arnold Schwarzenegger si unisce al coro di voci contro la decisione di Donald Trump di lasciare l'accordo di Parigi sul clima. In un lungo videomessaggio postato sulla sua pagina Facebook l'ex governatore repubblicano della California si rivolge direttamente al presidente in modo deciso: "Un uomo solo non può distruggere il progresso, un uomo solo non può fermare la nostra rivoluzione verde, un uomo solo non può tornare indietro le tempo". "Solo io posso", aggiunge con autoironia rimettendo per un attimo i panni di Terminator.

Il presidente americano Donald Trump ha annunciato dal prato davanti alla Casa Bianca il ritiro degli Stati Uniti dall'accordo di Parigi sul clima. "Gli Stati Uniti cominceranno a negoziare un nuovo accordo sul clima", ha detto Trump. "Vogliamo un accordo che sia giusto. Se ci riusciremo benissimo, altrimenti pazienza", ha aggiunto. "Gli Usa non onoreranno più le parti non vincolanti dell'accordo di Parigi a partire da oggi".

"Gli Stati Uniti si ritireranno dall'accordo di Parigi, ma avvieranno trattative per rientrare nell'accordo o per farne uno interamente nuovo che abbia i termini giusti per gli Stati Uniti, le aziende, i lavoratori e i contribuenti", ha affermato Trump, definendo l'accordo di Parigi "negativo" per gli americani. "Non posso in buona coscienza sostenere un accordo che punisce gli Stati Uniti, che è quello che l'accordo di Parigi fa".

Gli Usa smetteranno immediatamente di contribuire al 'Green Climate Fund' delle Nazioni Unite: lo ha detto il presidente americano, Donald Trump, definendo quello di Parigi "un accordo che azzoppa gli Stati Uniti e favorisce altri Paesi".

"Sono stato eletto dai cittadini di Pittsburgh, non da Parigi", ha detto ancora Trump assicurando che gli Stati Uniti saranno amici dell'ambiente, ma senza danneggiare l'occupazione. Trump, impegnandosi a lavorare da subito con i democratici per l'avvio di nuove trattative sul clima, precisa che l'accordo sul clima di Parigi costerebbe agli Stati Uniti posti di lavoro che "non possiamo permetterci di perdere".

MERKEL-MACRON-GENTILONI - "L'Accordo di Parigi rimane una pietra angolare della cooperazione tra i nostri paesi per affrontare efficacemente e tempestivamente i cambiamenti climatici e per attuare gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell'Agenda del 2030. Crediamo fermamente che l'accordo di Parigi non possa essere rinegoziato, in quanto strumento vitale per il nostro pianeta, le società e le economie. Siamo convinti che l'attuazione dell'accordo di Parigi offra grandi opportunità economiche per la prosperità e la crescita nei nostri paesi e su scala globale". Così la cancelliera tedesca Angela Merkel, il premier italiano Paolo Gentiloni ed il presidente francese Emmanuel Macron in una nota congiunta, in cui hanno "preso atto con rincrescimento della decisione degli Stati Uniti di ritirarsi dall'accordo sul clima".

La decisione degli Usa di lasciare l'accordo di Parigi - ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel - "non riuscirà a fermare tutti quelli tra noi che si sentono obbligati a proteggere il pianeta".

Secondo il premier Gentiloni "c'è un accordo, quello di Parigi sul clima, che va mantenuto e noi lo manterremo. E spero che gli Stati Uniti possano rivedere la posizione che hanno preso ieri". 

"L'America resta impegnata sul fronte dell'alleanza transatlantica e degli sforzi per proteggere l'ambiente": è la rassicurazione - spiega la Casa Bianca - che Donald Trump ha dato ad Angela Merkel, Emmanuel Macron, Theresa May e Justin Trudeau nei colloqui telefonici avuti dopo la decisione di ritirare gli Usa dall'accordo di Parigi sul clima. "I leader si sono detti d'accordo nel continuare il dialogo e nel rafforzare la cooperazione sulle questioni ambientali e su altri temi", si legge nella nota.

LE REAZIONI

Vaticano, da Trump decisione terribile - "Un disastro per l'umanità e per il pianeta". Così monsignor Marcelo Sanchez Sorondo, Cancelliere della Pontificia accademia delle Scienze commenta ai microfoni di inBlu Radio la decisione del presidente Usa Donald Trump, di sfilarsi dall'accordo sul clima di Parigi. "Questo - aggiunge - è andare contro quello che ha detto il Papa, che si basa nella Laudato si' sul consenso scientifico, e quindi contro la scienza". Una "decisione terribile" vista l'importanza dell'America che potrebbe dare il cattivo esempio ad altre nazioni, sottolinea Sorondo.

OBAMA - "L'amministrazione Trump si sta unendo a una piccola manciata di nazioni che rifiutano il futuro". E' il primo commento dell'ex presidente Barack Obama alla decisione, annunciata da Donald Trump, di ritirare gli Usa dall'accordo sul clima di Parigi.

TAJANI. "Pacta sunt servanda. E' una questione di fiducia e leadership. Questa decisione danneggerà gli Stati Uniti e il pianeta". E' il commento su Twitter del presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani rispetto alla decisione di Donald Trump di dire addio all'accordo di Parigi sul clima.

MERKEL. Angela Merkel ha avuto una telefonata con il presidente Usa Donald Trump, dopo l'annuncio della revoca dell'accordo sul clima da parte degli Stati Uniti. Lo ha comunicato il portavoce Steffen Seibert. La cancelliera ha espresso il suo rincrescimento per la decisione di Washington e ha ribadito che la Germania rispetterà l'accordo.

MACRON. Il presidente francese Emmanuel Macron ha avuto una "conversazione telefonica di 5 minuti con Donald Trump" e "in modo diretto" gli ha "ricordato che si può discutere, ma che degli accordi di Parigi nulla è rinegoziabile" e che pertanto Stati Uniti e Francia "continueranno a lavorare insieme, ma non sull'argomento clima". Lo scrive in un tweet lo stesso presidente francese.

GENTILONI. "Non facciamo passi indietro dall' Accordo di Parigi. L'Italia è Impegnata per la riduzione di emissioni, energie rinnovabili, sviluppo sostenibile". Lo scrive il premier Paolo Gentiloni su twitter.

COMMISSIONE UE. "Oggi è un triste giorno, perché un partner chiave volta le spalle alla lotta contro il cambiamento climatico globale. L'Ue è profondamente dispiaciuta per l'unilaterale decisione dell'amministrazione Trump di ritirare gli Stati Uniti dall'accordo di Parigi". Così il Commissario europeo per l'energia, Miguel Arias Canete, ha dichiarato in una nota dalla Commissione dopo l'annuncio del presidente Usa, aggiungendo che l'annuncio "galvanizza" e che "continueremo con i nostri partner" e aperti a "nuove alleanze".

La Russia non abbandona l'accordo di Parigi sul clima nonostante l'annuncio di Donald Trump che gli Stati Uniti ne usciranno: lo assicura il vice premier russo Arkadi Dvorkovich. "Abbiamo preso la decisione di partecipare" all'accordo "e non credo che la cambieremo", ha detto Dvorkovich all'agenzia Ria Novosti. "E' assolutamente evidente che senza la partecipazione degli Usa gli accordi di Parigi saranno inattuabili", spiega il consigliere del Cremlino, Andrei Belusov, riporta l'agenzia Interfax. L'accordo di Parigi sul clima dovrebbe entrare in vigore nel 2021, quindi "c'è ancora tempo per essere costruttivi se lo vogliamo", ha detto Vladimir Putin. "Credo - ha aggiunto - che non si debba fare confusione intorno alla decisione del presidente Trump ma creare elementi per ricomporre le divisioni". "Io adesso non vorrei giudicare il presidente Trump" per la decisione di uscire dagli accordi di Parigi sul clima, "forse" pensa che "non fossero ben ponderati", "forse pensa che non ci siano le risorse necessarie, tutto questo va studiato con attenzione", ma "secondo me poteva evitare di uscire dagli accordi perché si tratta di un'intesa di massima e difatti avrebbe potuto cambiare gli obblighi degli Stati Uniti nel quadro degli accordi di Parigi".

Anche la Cina conferma che terrà fede agli impegni presi con l'accordo di Parigi sul clima. "Crediamo che rifletta l'ampia approvazione della comunità internazionale sulla questione dei cambiamenti climatici", ha ribadito in conferenza stampa la portavoce del ministero degli Esteri, Hua Chunying. Le parti interessate "dovrebbero custodire questo risultato conquistato a fatica", ha aggiunto rimarcando l'importanza di assicurare "misure concrete" in risposta al nodo dei cambiamenti climatici.

Juncker, su clima Cina e Ue allineati, soluzioni comuni - La lotta al cambiamento climatico "oggi è più importante che ieri" e "Cina e Ue sono allineati per soluzioni comuni". Lo ha detto il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker in apertura dell'EU-China Business Summit. Juncker ha sottolineato l'importanza di "una piena implementazione dell'accordo di Parigi" e affermato che la comune linea di vedute con la Cina "è un messaggio al mondo: non si torna indietro dalla transizione energetica, non si torna indietro dall'accordo di Parigi".

L'India resta impegnata negli accordi di Parigi nonostante l'uscita degli Usa, ha detto il premier indiano Narendra Modi.

"Il riscaldamento climatico è innegabile, ed è una delle minacce più grandi nel mondo attuale e per il futuro del nostro pianeta": è il monito del segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, dopo l'addio degli Stati Uniti di Donald Trump all'accordo di Parigi. "Invito i governi di tutto il mondo a rimanere impegnati nell'attuazione dell'intesa - ha continuato - e per quanto riguarda gli Usa sono convinto che gli Stati, le città, il mondo dell'industria e la società civile scommetteranno sull'economia verde, che è l'economia del futuro".

GALLETTI. "La scelta dell'amministrazione Trump di uscire dall'accordo di Parigi è pericolosa, perché rende estremamente più complicata la lotta al surriscaldamento globale e ai danni che questo determina al Pianeta. L'America oggi, per inseguire vecchi paradigmi del passato, si svincola da una responsabilità morale, ma ferma solo sé stessa, non l'accordo di Parigi: l'impegno del resto dei Paesi ora dovrà essere ancora più determinato, con altri protagonisti e altre leadership, come quella dell'Europa e della Cina". Lo afferma il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti. "Non ci nascondiamo dietro l'evidente: ora tutto si complica, ma diventa ancor più necessario - conclude Galletti -. Restano tanti punti che ci uniscono agli amici americani anche in campo ambientale, e lo vedremo al nostro G7 di Bologna: ma la collaborazione, come ci ha ricordato oggi il Presidente Mattarella, è l'unica strada possibile in ambiente. L'isolamento porta invece sempre e comunque alla sconfitta".

ELON MUSK. Elon Musk, il visionario amministratore delegato di Tesla, annuncia che lascera' il comitato degli advisor economici del presidente Donald Trump. ''Lascio i comitati presidenziali. Il cambiamento climatico e' reale. Lasciare Parigi non e' buono per l'America o per il mondo''. L'uscita di Musk e' uno schiaffo per l'amministrazione Trump, mostrando una rottura con quel mondo imprenditoriale con il quale il presidente si è vantato di aver ottimi rapporti. Le aziende americane, da Wall Street alla Silicon Valley, hanno chiesto al presidente di restare nell'accordo di Parigi.

CASA BIANCA. La Casa Bianca ha informato in anticipo gli alleati che il presidente Donald Trump ritirerà gli Stati Uniti dal patto globale sul clima di Parigi.

"L'accordo negoziato da Obama impone target non realistici per gli Stati Uniti nella riduzione delle emissioni, lasciando invece a paesi quali la Cina un lasciapassare per anni". E' quanto si legge nel documento riportato da alcuni media americani e distribuito in Congresso dalla Casa Bianca per spiegare la decisione del presidente Donald Trump di ritirarsi dall'accordo sul clima di Parigi.

''Gli Stati Uniti sono gia' alla guida del mondo per la produzione di energia e non hanno bisogno di un accordo negativo che danneggia i lavoratori americani''. Lo afferma la Casa Bianca illustrando la decisione del presidente Donald Trump di ritirare gli Stati Uniti dall'accordo sul clima di Parigi. La spiegazione è contenuta in un documento riportato distribuito ai membri del Congresso e distribuito dai media americani. L'accordo sul clima ''impone dei costi in anticipo sugli americani a danno dell'economia e della crescita del lavoro, mentre strappa impegni insignificanti da altri paesi, come la Cina''.

Con il ritiro dall'accordo sul clima di Parigi, il presidente Donald Trump "mantiene una della promesse" della campagna elettorale. Lo afferma la Casa Bianca, in un documento riportato dai media americani e distribuito ai membro del Congresso. Trump nel corso della campagna elettorale aveva assicurato in più di un'occasione che avrebbe ritirato gli Stati Uniti dall'intesa.

EMISSIONI. Gli Stati Uniti sono il secondo produttore mondiale di gas serra, con il 15% delle emissioni globali (dati 2015). Il primo produttore è la Cina, con il 29%. Nel 2015 le emissioni cinesi sono calate dello 0,7% e nel 2016 di un altro 0,5%. Nei dieci anni precedenti, la produzione di gas climalteranti del Dragone aumentavano in media del 5% ogni anno. Il calo è dovuto alla chiusura di centrali a carbone e all'apertura di centrali nucleari, rinnovabili e a gas. La Cina, priva di petrolio e avvelenata dal carbone, ha convenienza a puntare su eolico e fotovoltaico e sta investendo in questi settori in modo massiccio. Gli Usa nel 2015 avevano tagliato le emissioni del 2,6% e nel 2016 dell'1,7%, grazie a notevoli investimenti sulle rinnovabili, favoriti dall'amministrazione Obama. Il terzo produttore mondiale di gas serra è l'Unione europea, con il 10%. Negli ultimi vent'anni le sue emissioni sono scese costantemente, grazie al ruolo delle rinnovabili, ma nel 2015 sono salite dell'1,4%. I problemi vengono dall'India, che contribuisce per il 6,3% alle emissioni globali e nel 2015 ha aumentato la sua produzione di gas serra del 5,2%. La scelta di Trump potrebbe spingere New Delhi a rallentare il suo impegno nella riduzione delle emissioni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA